Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica

Covid: anche in Abruzzo partite le somministrazioni delle terze dosi di vaccino, Verì: "Nessuna criticità per le scorte"

L'assessore regionale alla sanità interviene in merito all'avvio anche in Abruzzo delle somministrazioni delle terze dosi ai pazienti immunocompromessi ed estremamente fragili

Anche in Abruzzo sono iniziate le somministrazioni delle terze dosi di vaccino anti Covid. Lo ha fatto sapere l'assessore regionale Nicolettà Verì all'Adnkronos, aggiungendo che si tratta di un passaggio fondamentale che riguarda i soggetti immuncompromessi che per primi furono vaccinati l'inverno scorso e necessitano di una protezione aggiuntiva per non correre rischi con l'arrivo dei primi freddi e dei malanni autunnali ed invernali.

Le somministrazioni, almeno in questa primissima fase, si svolgeranno quasi interamente in ambito ospedaliero e saranno le stesse Asl a contattare direttamente i circa 30mila pazienti coinvolti in questo passaggio della campagna vaccinale.

"Si è optato per questo sistema, invece della piattaforma telematica Poste utilizzata per la gestione ordinaria delle vaccinazioni  perché si tratta di pazienti già in carico alle nostre strutture sanitarie per le loro patologie: parliamo, ad esempio, di dializzati e trapiantati, dei quali siamo in possesso di tutte le informazioni necessarie. Si tratta comunque di soggetti estremamente fragili, con quadri clinici complessi, che necessitano di valutazioni approfondite caso per caso".

L'assessore ha anche precisato che non vi sono al momento criticità per le scorte di vaccini, garantendo le somministrazioni a tutto il target di popolazione fino ad ora individuato dalla protezione civile nazionale, e dopo gli immunocompromessi si passerà alle altre categorie ovvero over 80, ospiti delle residenze per anziani e personale sanitario e socio-sanitario:

"Ovviamente, già parliamo di numeri diversi, che imporranno un nuovo sforzo organizzativo al nostro sistema sanitario regionale, che contemporaneamente si troverà anche a dover gestire la campagna vaccinale antinfluenzale. Abbiamo comunque già previsto una serie di azioni che ci consentiranno di gestire al meglio entrambe le campagne vaccinali, a partire dal maggior coinvolgimento dei medici di medicina generale e delle farmacie territoriali". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: anche in Abruzzo partite le somministrazioni delle terze dosi di vaccino, Verì: "Nessuna criticità per le scorte"

IlPescara è in caricamento