I ladri preferiscono le Fiat: la classifica delle auto più rubate in Italia

In cima alla classifica delle auto più rubate in Italia ci sono tre veicoli targati Fiat: Panda, 500 e Punto

I ladri preferiscono le vetture italiane. In cima alla classifica delle auto più rubate in Italia ci sono tre veicoli targati Fiat: Panda, 500 e Punto. Il Suv più desiderato dai malintenzionati, invece, è il Nissan Qashqai.

Polizia di Stato e Corriere della Sera hanno stilato la lista dei veicoli preferiti dai ladri, che entrano in azione soprattutto in Campania. La regione, che vanta anche il primato per la difficoltà di ritrovamento delle auto rubate, è seguita da Lazio, Puglia, Lombardia e Sicilia.

I furti di auto sono nettamente aumentati, registrando un +5,25%, mentre è in calo la percentuale di ritrovamento di auto rubate, che è scesa al 39,5% rispetto al 53% registrato nel 2017.

Le auto rubate in totale sono 105.239 unità e i ladri hanno dimostrato di preferire quelle del marchio Fiat.

Le auto più rubate in Italia

Di seguito la classifica delle auto più rubate in Italia nel 2018:

1. Fiat Panda
2. Fiat 500
3. Fiat Punto
4. Lancia Y
5. Volkswagen Golf
6. Ford Fiesta
7. Smart Fortwo Coupè
8. Renault Clio
9. Fiat Uno
10. Opel Corsa

I Suv più rubati in Italia

Dalla Polizia di Stato arriva anche la classifica dei dieci Suv più rubati nel nostro Paese:

1. Nissan Qashqai 
2. Land Rover Range Rover
3. Land Rover Evoque
4. Toyota Rav 4
5. Kia Sportage
6. Hyundai Tucson
7. BMW X5
8. Mercedes ML
9. BMW X1
10. Mitsubishi Pajero

Antifurti per auto: i modelli più venduti sul web

Antifurto con bloccaggio del volante

Bullock Excellence Model X

Tracciatore di posizione GPS

Antifurto per auto con sirena

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento