rotate-mobile
Meteo

Sarà un Capodanno senza freddo e perturbazioni sul versante adriatico dell'Abruzzo

Il 2023 ci saluta con una perturbazione, Veglione e Capodanno bagnati su alcune regioni, ma tra queste non è compresa l'Abruzzo: le previsioni elaborate da 3bmeteo.com

L'anno che sta per finire terminerà con una perturbazione che però non dovrebbe riguardare l'Abruzzo, in modo particolare il suo versante adriatico.
Ad affermarlo è il meteorologo Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com.

«Poche novità fino a sabato con stallo meteorologico e al più qualche piovasco al Nord e Toscana, mentre tra San Silvestro e Capodanno è previsto il passaggio di una veloce perturbazione ma che interesserà parte d’Italia», segnala Ferrara.

Stallo meteorologico fino a sabato, clima non freddo

«Nei prossimi giorni l’alta pressione sarà in solo parziale indebolimento, favorendo venti più umidi che manterranno il tempo spesso uggioso al nord e lungo il versante tirrenico», spiega il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara, «potremo avere qualche pioggia in particolare tra Liguria e alta Toscana, ma sporadicamente anche al Nordovest, Emilia Romagna e Umbria, comunque poca cosa. Maggiori spazi assolati interesseranno invece Alpi, versante adriatico e ionico. Il tutto in un contesto climatico che di invernale avrà ancora ben poco, con temperature sopra la media, sebbene senza i picchi eccezionali dei giorni antecedenti il Natale».

Veloce perturbazione a cavallo tra San Silvestro e Capodanno

«Proprio tra San Silvestro e Capodanno una veloce perturbazione atlantica riuscirà a filtrare l’alta pressione portando un po’ di pioggia in pianura e neve sulle Alpi, sebbene non verrà interessata tutta la penisola ma essenzialmente il nord e le regioni del versante tirrenico», aggiunge Ferrara di 3bmeteo.com, «su queste aree dunque la notte del veglione potrà trascorrere almeno in parte bagnata, mentre le precipitazioni risulteranno scarse se non del tutto assenti sul lato Adriatico e buona parte del Sud (esclusa la Campania). A ogni modo assisteremo a una generale ridimensionata delle temperature rispetto ai giorni scorsi, ma non farà ancora particolarmente freddo».

Gennaio 2024 più movimentato?

«Il nuovo anno potrebbe avviarsi con tempo decisamente più dinamico rispetto a quanto abbiamo assistito a dicembre. Le perturbazioni atlantiche potrebbero infatti tornare a interessare con maggiore frequenza anche il mediterraneo e quindi l’Italia, portando fasi piovose (e nevose in montagna), anche se ancora non in un contesto particolarmente freddo, almeno in una prima fase. Seguiranno importanti analisi e aggiornamenti», concludono da 3bmeteo.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarà un Capodanno senza freddo e perturbazioni sul versante adriatico dell'Abruzzo

IlPescara è in caricamento