Come aprire un Bed & Breakfast a Pescara: come fare, documenti utili e chi contattare

I locali adibiti a B&B devono riguardare in una parte di abitazione comprendente al massimo n. 4 camere e con un massimo di 10 posti letto

Per aprire un B&B a Pescara, bisogna rispettare alcuni parametri. L’attività è regolamentata nella Regione Abruzzo dalla legge regionale 78 del 28 aprile 2000, che dispone precise regole:

i locali adibiti a B&B devono riguardare in una parte di abitazione comprendente al massimo n. 4 camere e con un massimo di 10 posti letto;

  • deve essere esposto il marchio regionale identificativo del Bed & Breakfast;
  • l’attività ricettiva non può essere continuativa, la norma regionale non prevede infatti un termine massimo di apertura, ma fa riferimento ad un’attività saltuaria o per ricorrenti periodo stagionali;
  • non si tratta di un’attività imprenditoriale, di conseguenza non è richiesta l'iscrizione al Registro delle Imprese;
  • ogni ospite non può soggiornare oltre 30 giorni consecutivi, pena sanzione pecuniaria per chi lo accoglie;
  • la colazione può essere servita con prodotti confezionati monodose, prodotti acquistati da chi possiede le autorizzazioni igienico sanitarie o con rilascio voucher da usare negli esercizi esterni vicini al B&B. In alternativa possono essere preparati direttamente prodotti per la colazione dal titolare di un B&B purché in regola con gli obblighi inerenti la Segnalazione Certifica di Inizio Attività per l’esercizio di Micro attività Domestiche Alimentari, ai sensi della DGR n. 524/2018.

I locali devono avere i servizi igienico sanitari e le camere da letto devono avere una superficie minima per la camera singola di almeno 8 mq e di 14 mq per le doppie.

Come affittare un locale commerciale a Pescara

Come avviare il proprio B&B

Per avviare l'attività è necessario presentare al Suap del Comune dove è ubicato l’immobile la Scia (Segnalazione Certifica di Inizio Attività - link modulo) utilizzando la modulistica disponibile sul sito della Regione Abruzzo.  Bisogna inoltre allegare:

  • planimetria dell’unità immobiliare;
  • atto comprovante la disponibilità dell’immobile;
  • atto di assenso di proprietari e comproprietari;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio circa il possesso da parte dell’immobile dei requisiti igienico-sanitari ed edilizi previsti dai regolamenti comunali e dalla presente legge;
  • modello denuncia Servizi e Tariffe;
  • Notifica Inizio Attività Settore Alimentare (Nias) o in alternativa la comunicazione relativa alla scelta del voucher per la colazione in esercizio esterno.

Prezzi da applicare a Pescara

I prezzi possono essere decisi autonomamente, dunque sono liberi. Tuttavia, ogni anno bisogna comunicare alla Regione Abruzzo le tariffe massime attraverso la piattaforma Sitra (Sistema Informativo Turistico della Regione Abruzzo), sulla quale comunicare anche gli arrivi e le presenze dei clienti.

Tutta la modulistica indicata, loghi, manuali e quant'altro citato nell'articolo è reperibile a questo link.

Per qualsiasi altra informazione, vi lasciamo qui il link che fornisce ulteriori informazioni sull’apertura di un Bed & Breakfast a Pescara della Regione Abruzzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Carenza di vitamina D: 10 alimenti per integrarla e rafforzare il sistema immunitario

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

Torna su
IlPescara è in caricamento