mobilità

Via Regina Margherita mantiene il doppio senso ciclabile grazie alla zona 30

La precisazione si rende necessaria perché alcuni cittadini avevano manifestato il proprio disappunto, credendo che ora non fosse più possibile utilizzare la strada per andare in bici verso piazza Salotto

La pista ciclabile di via Regina Margherita mantiene il doppio senso ma, grazie alla zona 30, si estende a tutto il tracciato stradale. È l'assessore alla mobilità, Luigi Albore Mascia, a spiegare a IlPescara.it che cosa accadrà una volta ultimato il cantiere (al momento si sta lavorando sull'ultimo tratto, quello che sfocia sull'incrocio con corso Umberto I).

«La pista ciclabile di via Regina Margherita - dice Mascia - è stata rifatta prevedendo solo un senso di marcia in direzione sud-nord, mentre la precedente era a doppio senso, perché abbiamo scelto di eliminare i cordoli, che sarebbero stati, altrimenti, obbligatori ove la pista fosse stata bidirezionale. Pertanto, da sud a nord si procederà sulla ciclabile riqualificata, mentre da nord a sud si procederà, con le necessarie disposizioni che renderanno la strada "zona 30", in circolazione promiscua con gli altri mezzi».

La precisazione di Mascia si rende necessaria perché alcuni cittadini avevano manifestato il proprio disappunto, credendo che ora non fosse più possibile utilizzare via Regina Margherita per andare in bici verso piazza Salotto. In realtà, i ciclisti che si recheranno verso sud dovranno passare direttamente sul pezzo di asfalto dove transitano anche le macchine, che con la "zona 30" saranno appunto tenute, per ragioni di sicurezza, a non superare i 30 km orari: «Esattamente», conferma Mascia. «È la soluzione praticata nelle più importanti città italiane ed è la direzione verso la quale si andrà in futuro, ove possibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Regina Margherita mantiene il doppio senso ciclabile grazie alla zona 30
IlPescara è in caricamento