rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
mobilità Francavilla al mare

Trasporto di bici sul treno: "Disorganizzato e inaffidabile, è la prima e ultima volta"

Un nostro lettore ci ha scritto per segnalarci la sua esperienza (purtroppo negativa) vissuta a bordo di un convoglio per cercare di fruire dell'iniziativa "Costa dei Trabocchi Mob"

Vi scrivo in riferimento all'iniziativa, in linea di principio lodevole, "Costa dei Trabocchi Mob". Purtroppo le intenzioni non confermano la realtà dei fatti. Ieri mi sono recato con un amico alla stazione di Francavilla al Mare in bicicletta per poi dirigermi in treno verso Fossacesia. Le problematiche iniziano a palesarsi già dall'arrivo: la stazione, ormai degradata da anni e priva di personale di terra, non è dotata di scivolo per biciclette e risulta necessario sollevare il proprio mezzo e percorrere due rampe di scale (una in discesa e l'altra in salita, con la biciletta in spalla) per potersi recare al binario di arrivo del treno.

Stesso discorso dicasi per la salita e la discesa dal mezzo: delle vetture con apposita pedana per biciclette nemmeno l'ombra (treno regionale delle ore 9,19 da Francavilla al Mare). All'interno del treno regna la confusione più totale. L'esigua carrozza deputata al trasporto biciletta risulta già completamente piena, per questo motivo molte biciclette devono essere sistemate alla buona lungo gli spazi vicino alle uscite. All'interno delle vetture orde di turisti che si lamentano, a ragione, dell'assoluta mancanza di organizzazione deputata al trasporto biciclette.

Alla stazione di San Vito il quadro non cambia rispetto a Francavilla: molti passeggeri scelgono di attraversare i binari con le biciclette piuttosto che affrontare altre rampe di scale. Al ritorno la sorpresa più amara: alla stazione di San Vito Chietino il controllore ci dice che non c'è posto per altre biciclette, nonostante le persone in questione abbiano tutte regolare biglietto. Al consiglio di lasciare le bici in stazione i passeggeri danno sfogo a un'acerrima discussione, che si conclude con uno scontro verbale a tratti poco elegante e rispettoso di coloro che hanno acquistato regolare biglietto.

Purtroppo il sito di Trenitalia non riporta alcuna informazione relativa al numero di posti disponibili per le bici, rendendo quindi non chiaro il quadro della situazione ai passeggeri che viaggiano con mezzo al seguito. È stata la mia prima e, credo, ultima esperienza di viaggio con bici al seguito. Credo che lo stesso pensiero sia comune a tanti altri passeggeri che hanno scelto di affidarsi a una servizio di trasporto assolutamente disorganizzato e inaffidabile, imperniato unicamente sui fasti di una pubblicità ingannevole e lesiva del sistema turistico regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto di bici sul treno: "Disorganizzato e inaffidabile, è la prima e ultima volta"

IlPescara è in caricamento