No al parcheggio estivo per le auto lungo la strada parco, l'appello della Fiab

Questo l'appello della Fiab che scrive una lettera al sindaco di Pescara, Carlo Masci, e all'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia

No alla strada parco nuovamente trasformata in parcheggio per le automobili.
Questo l'appello della Fiab che scrive una lettera al sindaco di Pescara, Carlo Masci, e all'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia. 

«La possibilità che anche quest’anno la strada parco possa ospitare parcheggi estivi», scrive in una nota la Fiab, «è un'ipotesi inopportuna, grave e imprudente: i parcheggi estivi di “emergenza” sono l’ennesima misura “ordinaria” per rispondere ad una richiesta mai governata, forse inesistente se non addirittura indotta!».

Tre i piani sui quali la Fiab invita a ragionare l'amministrazione comunale:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • La pianificazione: in questo modo anche quest'anno verrebbe assecondato il peggiore dei modi per accedere agli stabilimenti balneari: con l'automobile. Nessuna verifica sulla reale esigenza di parcheggi, neanche con lo strumento del sondaggio usato qualche anno fa quando si constatò che la maggior parte degli accessi proveniva dal centro città. Quindi, invece di soddisfare una richiesta, si tende ad offrire un servizio con un metodo abbandonato da decenni;
  • Lotta all'inquinamento e ai cambiamenti climatici: l'aumento dei posti auto attira traffico, aumentando oltre le emissioni di CO2 anche la produzione di polveri sottili e ossidi di azoto dannosi per la salute oltre che pericolosi per le serie complicazioni in caso di infezione da coronavirus.
  • L’assembramento: l'eventuale parcheggio nella strada parco comprimerebbe gli spazi dando luogo a facili assembramenti tra pedoni, ciclisti e automobilisti mettendo così a rischio la salute di tutti. Nonostante tutte le norme restrittive a cui tutti i cittadini saranno sottoposti in questo periodo in spiaggia, verrebbero permessi affollamenti per via dell'ingombro delle automobili parcheggiate e delle persone in transito. Questa incongruenza risulta davvero inaccettabile.

La Fiab chiede nuovamente di promuovere l'uso della bicicletta e l'abbandono dell'auto a casa o, eventualmente, in opportuni parcheggi di scambio in luoghi periferici alla città. «La strada parco», conclude la Fiab, «deve essere car free e deve funzionare come dorsale ciclopedonale interna in cui ospitare l’aumento del numero dei ciclisti che qui possono muoversi in sicurezza e rispettando le dovute distanze. I cittadini vanno incentivati alla mobilità sostenibile e soprattutto all'uso della bici con una opportuna campagna di comunicazione che li faccia sentire partecipi di un nuovo progetto di tutela ambientale diventato ancor più necessario un un periodo di emergenza sanitaria mondiale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Paura sul ponte Flaiano, giovane minaccia di lanciarsi nel vuoto

  • Tragedia a Scafa: schianto mortale per un motocilista lungo la sp63

  • Autostrada A14 nel caos, 8 km di coda prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

Torna su
IlPescara è in caricamento