Martedì, 26 Ottobre 2021
mobilità

Nuove rastrelliere per le bici, in arrivo più di duemila posti

Verranno posizionati 230 nuovi portabici che stanno arrivando anche grazie ai finanziamenti ottenuti con il progetto Primus (Programma urbano per l'incentivazione della mobilità sostenibile)

In arrivo nuove rastrelliere a Pescara e in città saranno disponibili più di 2.000 posti per le bici.
Per quello che l'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia, definisce un vero e proprio Prg (piano regolatore generale) degli stalli per le biciclette attivato dal Comune.

Le strutture sono in metallo, biposto, simili a quelle di più recente installazione presenti in molte zone della città. Sono state realizzate seguendo le linee guida delle amministrazioni territoriali e della Fiab.

«Vogliamo limitare il più possibile il "parcheggio creativo" delle biciclette», fa sapere Albore Mascia, «spesso lasciate anche in condizioni che danno fastidio al passaggio dei pedoni sui marciapiedi. Sappiamo che ci sarà sempre più bisogno di rastrelliere, visto che abbiamo intenzione di spingere il più possibile sugli spostamenti in modalità leggera, ma cercheremo di far avanzare alla stessa velocità miglioramento della rete ciclabile e presenza di posti bici. Anche per non ripetere gli errori storici che sono stati fatti con le auto».

Gli uffici comunali hanno lavorato su una mappatura di tutto l'esistente attraverso un programma Gis (Geographic information system) che ha consentito di effettuare un controllo numerico delle rastrelliere e di avere contezza della loro localizzazione. Sono state censite 131 rastrelliere di prima generazione, a cavalletto, e 472 nuove, ad anello, analoghe a quelle che verranno installate, per un totale di più di 1600 posti bici. Con lo stesso sistema di localizzazione sono state posizionati i portabiciclette biposto, dando priorità alle aree nei pressi delle sedi scolastiche, agli spazi attraversati dalle piste ciclabili e a quei quartieri della città, come Porta Nuova, rimaste sostanzialmente senza servizio. Con la crescita di utilizzo delle biciclette a pedalata assistita, che facilitano l'utilizzo anche in salita, sono stati  previsti nuovi portabici anche nelle zone sensibili collinari. Con i nuovi stalli saranno dunque disponibili più di duemila posti bici.

«Arriveremo, compatibilmente con le risorse finanziarie a disposizione», aggiunge l'assessore Albore Mascia, «a coprire la maggior parte del territorio comunale, senza dimenticare il progetto delle ciclostazioni: quella di Portanuova è già attiva, anche con il servizio di punzonatura bici, lavoreremo intensamente per quella da realizzare alla stazione centrale, che in questo modo diventerà un vero e proprio hub dei trasporti cittadini, una grande area di scambio, che si appresta ad essere completamente riqualificata, che valorizzerà il cuore di Pescara».

I nuovi portabici hanno un costo di 75.762 euro. Le somme sono finanziate nell’ambito di un progetto di importo complessivo di 118.127,60 euro: 30.000 euro sono a carico del Comune di Pescara, i restanti 88.127,60 euro a carico del ministero dell’Ambiente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove rastrelliere per le bici, in arrivo più di duemila posti

IlPescara è in caricamento