Martedì, 19 Ottobre 2021
mobilità

La proposta del coordinatore interregionale Fiab Odoardi: "A Pescara fare un censimento e upgrade delle fermate dei bus"

Secondo Odoardi molte fermate degli autobus non sono ben definite e identificabili e spesso le automobili occupano le aree di fermata dei bus ostacolando la salita o discesa dei passeggeri in sicurezza

Fare un censimento delle fermate degli autobus a Pescara e nell'area metropolitana, in modo da individuare quelle a bassa visibilità dove spesso si riscontrano criticità per i passeggeri e per gli autisti stessi degli autobus. La proposta è stata lanciata dal coordinatore interregionale Fiab Odoardi, che evidenziam come molte fermate siano praticamente invisibili, senza protezioni con le auto che invadono sistematicamente lo spazio destinato alla fermata dell'autobus, oppure a causa della presenza di cassonetti dei rifiuti che impediscono la manovra:

"L’autobus rischia di arrestare la sua corsa quasi invadendo la corsia opposta. Inoltre, spesso la segnaletica verticale assolutamente precaria, quasi mobile, se non ben mimetizzata tra vari cartelli, pali della luce e fronde degli alberi e di quella orizzontale non c’è traccia"

Per Odoardi, gli utenti che utilizzano l'autobus hanno diritto ad usufruire di fermate chiare e riconoscibili, oltre poter salire e scendere in sicurezza dai mezzi stessi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La proposta del coordinatore interregionale Fiab Odoardi: "A Pescara fare un censimento e upgrade delle fermate dei bus"

IlPescara è in caricamento