menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CCiclAT: "La pista ciclabile di Montesilvano e quegli STOP di troppo"

Il Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano ha emanato una nota sulla pista ciclabile di Montesilvano che pubblichiamo integralmente nell'articolo qui di seguito

In Abruzzo, tramite il progetto Bike to Coast, continuano a realizzarsi percorsi ciclabili non a norma e con trovate fantasiose al limite del grottesco. L'ultima trovata progettuale riguarda la pista ciclabile costiera di Montesilvano, in Provincia di Pescara, dove si è pensato di "rafforzare" la sicurezza del pedone aggiungendo agli attraversamenti pedonali un bel segnale verticale di STOP, giusto per essere sicuri che il pericoloso ciclista si fermi per dare la precedenza a chi attraversa la strada.

Ora, premesso che gli itinerari ciclopedonali ai sensi dell'art. 2, comma 2, del codice della strada sono definite strade al pari di ogni altra infrastruttura dedicata al traffico motorizzato, agli stessi si applicano le norme generali per la segnaletica orizzontale e verticale. E nè nel codice, nè nel relativo regolamento, nè nel regolamento per la costruzione delle piste ciclabili, si ritrova l'obbligo, o l'indicazione, di segnalare uno STOP in prossimità degli attraversamenti pedonali.

D'altra parte l'art. 191 del codice già impone di fermarsi per permettere l'attraversamento di pedoni sulle strisce pedonali, e, come ribadito dalla Cassazione Civile, sez. III, con sentenza 30/09/2009 n° 20949, la sola presenza delle strisce deve indurre il conducende del veicolo (e la bicicletta, a norma di codice, è un veicolo) a rallentare. Quindi non si comprende l'utilità di uno STOP di fronte ad una segnaletica che già impone di dare precedenza.

Tra l'altro lo STOP si posiziona in prossimità di intersezioni (e l'attraversamento pedonale non costituisce intersezione), e obbliga il veicolo a fermarsi a prescindere dalla presenza o no di veicoli che provengano dalla strada perpendicolare e, quindi, se la bizzarra interpretazione del codice di chi ha progettato la ciclabile di Montesilvano trovasse proseliti, la stessa andrebbe applicata anche sulla rete stradale comunale, e ci troveremmo biciclette, e auto, costrette a fermarsi ad ogni passaggio pedonale, anche in assenza di pedoni in attraversamento.

Sempre tornando agli attraversamenti pedonali il codice prevede che gli stessi debbano "essere sempre accessibili anche alle persone non deambulanti su sedie a ruote", e sul breve nuovo tratto di ciclabile c'è un attraversamento che finisce con un altissimo gradino, in prossimità della fermata di un autobus (altra novità tutta montesilvanese, le fermate bus SULLA ciclabile), costituendo di fatto una barriera architettonica.

Insomma, la creatività ciclabile imperversa in tutto l'Abruzzo, e il progetto Bike to Coast si candida a essere citato, in tutto il mondo, come un insieme di casi studio - sbagliati - da far studiare nelle università e nelle scuole tecniche. Un primato anche questo, di cui, però, forse è meglio non andare fieri.

CCiclAT - Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento