rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
life

Italia Nostra sugli interventi per la riapertura della Riserva Dannunziana: "Non mettere a rischio la ripresa del ciclo vegetale"

La sezione pescarese dell'associazione condivide le risultanze del lavoro attuato dal comitato di esperti ma avvisa di non operare con troppa fretta

Italia Nostra (la sezione pescarese) condivide le prime risultanze del lavoro della commissione di esperti costituita dopo l’incendio nella riserva naturale regionale “Pineta Dannunziana” dello scorso 1 agosto e compiacimento per le somme raccolte con il contributo dei cittadini, colpiti dalla grave ferita al loro patrimonio naturalistico.

«Si mette in guardia, tuttavia», si legge in una nota, «dal perseguire con troppa fretta la riapertura dei comparti per non mettere a rischio, con le lavorazioni finalizzate all’agibilità, i confortanti fenomeni di ripresa del ciclo vegetale che si manifestano con le nuove plantule di Pino d’Aleppo, utili segnali della capacità di resilienza di questi ecosistemi litoranei, di cui la Nostra riserva è fragile e raro esempio, residuale. Gli stessi lavori di rimozione di macerie e rifiuti accumulati negli anni dovrà svolgersi curando la salvaguardia delle nuove plantule».

Italia Nostra inoltre, continua a ricordare che ai provvedimenti di emergenza deve seguire la piena attuazione del piano di assetto naturalistico della Riserva e, soprattutto, l’istituzione del “Comitato di Gestione”, quale suo organismo di direzione e gestione stabile e autonomo, che permetta d’intraprendere con continuità le azioni di salvaguardia, recupero o ripristino naturalistico, risanamento idrogeologico, allontanamento delle specie alloctone, analisi e studi scientifici, prevenzione antincendio, fruizione didattica, ricreativa e ludica.

«Si tratta di avviare quei provvedimenti necessari per dare un’esistenza “regolare e prospera” a questo grande patrimonio cittadino», concludono dall'associazione, «ribadiamo che soltanto la continuità di una valida direzione scientifica potrà assicurare “buona salute” alla nostra pineta, insieme a una reale apertura partecipativa verso le Associazioni, prevista da tutte le norme vigenti. A livello nazionale (D.Leg. 33/2013 “Bosetti-Gatti” e L. 108/2001 “Convenzione di Aarhus”), regionale (L.R. 96/2000 “Istituzione della Riserva Naturale Regionale Pineta Dannunziana”) comunale (Del. CC n.132 del 08.09.2007 “Regolamento del Verde”).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia Nostra sugli interventi per la riapertura della Riserva Dannunziana: "Non mettere a rischio la ripresa del ciclo vegetale"

IlPescara è in caricamento