menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Goletta Verde: ecco quali sono le spiagge inquinate

A Pescara, nella spiaggia in corrispondenza di piazza Primo Maggio i livelli di carica batterica sono di poco inferiori ai limiti di legge, ma comunque sono nella norma, mentre all'altezza di Fosso Vallelunga il mare risulta fortemente inquinato

Sono soltanto due, a Pescara e Pineto, i punti della costa abruzzese che risultano entro i limiti di legge nell'ambito delle analisi realizzate in mare da Goletta Verde per esaminarne lo stato di salute. I prelievi e le analisi sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente tra il 25 e 26 luglio scorsi ed e' stata presa in considerazione la carica batterica. Sono considerati "inquinati" i punti dove vengono superati i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia e "fortemente inquinati" quelli che superano piu' del doppio questi valori.

Due i campionamenti eseguiti a Pescara: nella spiaggia in corrispondenza di piazza Primo Maggio i livelli di carica batterica sono di poco inferiori ai limiti di legge, ma comunque sono nella norma, mentre all'altezza di Fosso Vallelunga il mare risulta fortemente inquinato. Passando alla Provincia di Chieti, risulta inquinato il mare di Torino di Sangro, in localita' Dragoni, nella spiaggia in corrispondenza del Fosso del diavolo e il risultato e' di un mare fortemente inquinato sia a Fossacesia, in localita' La Penna, sia a Ortona, in localita' Acquabella San Donato, rispettivamente alla foce del fosso San Giovanni e alla foce del fiume Moro.

Passando alla provincia di Teramo, sono quattro i punti presi in considerazione e solo Pineto, nella spiaggia in corrispondenza di via Liguria, il dato risulta entro i limiti. E' invece fortemente inquinato sia il mare di Villa Rosa di Martinsicuro, alla foce del fiume Vibrata, che in un altro punto di Pineto, alla foce del torrente Calvano, e a Silvi Marina, alla foce del fiume Cerrano.

Per Legambiente, che oggi ha tenuto una conferenza stampa a Pescara, "il quadro non e' cambiato dopo due anni di bandiera nera. L'unica novita' e' rappresentata da Pescara, dove in piazza Primo Maggio e' emerso che i valori sono, seppur alti, entro i limiti", quindi l'associazione ambientalista sollecita un monitoraggio costante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento