rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
life Montesilvano

Fatta chiarezza sui fondi destinati alla bonifica del fiume Saline

La risposta fornita dal Ministero dell'Ambiente non lascia spazio a dubbi: i soldi sono arrivati, ma a quanto pare non sono ancora stati utilizzati. Paolucci e Muroni: "Ora non si possono più accampare scuse"

Gli onorevoli Massimo Paolucci e Rossella Muroni hanno ricevuto i chiarimenti richiesti dal Ministero dell'Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare in merito ai fondi da destinare per la bonifica del fiume Saline, inquinato da una discarica dismessa.

I due parlamentari, rappresentanti della lista civica "Montesilvano Anno Zero", in una nota inviata al vice capo di gabinetto del dicastero chiedevano che fine avessero fatto i soldi promessi dall'accordo di programma firmato con la Regione Abruzzo nel febbraio del 2010.

In realtà, gli importi da versare nelle casse dell'Ente regionale e del Comune di Montesilvano sono già stati erogati e sono stati così ripartiti:

  • € 208.697,31 per la bonifica
  • € 50.688,01 per la consulenza tecnica 
  • ulteriori € 750.000 per la redazione del piani di caratterizzazione

Rispetto alle attività disciplinate nell'accordo, nel dicembre 2017 la Regione si è assunta l'impegno per complessivi € 730.000 e risultano liquidati poco più di € 180.000.

"A questo punto nessuno può ancora ribadire che le azioni non sono state intraprese per mancanza di fondi - denunciano i due esponenti del Parlamento - ma solo per un'evidente volontà politica. Ora non possono più accampare scuse".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatta chiarezza sui fondi destinati alla bonifica del fiume Saline

IlPescara è in caricamento