rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
energia

Torna l'ora legale e gli esperti avvertono: "Al mattino raddoppia il rischio mal di schiena"

Il ridotto riposo provoca squilibri chimici a livello cerebrale e si abbassa la soglia di sopportazione del dolore. I consigli dell'esperto Alessandro Napoli del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell'Università La Sapienza di Roma

Nella notte tra sabato 24 e domenica 25 marzo torna l'ora legale, che durerà sette mesi. Per effetto dello spostamento delle lancette degli orologi avanti di sessanta minuti (alle ore 2), Terna stima un minor consumo di energia elettrica pari a circa 562 milioni di kilowattora, quantitativo corrispondente al fabbisogno medio annuo di circa 200mila famiglie. Considerando che un kilowattora costa in media al cliente domestico tipo circa 20,62 centesimi di euro al lordo delle imposte, la stima del risparmio economico per il sistema relativo al minor consumo elettrico nel periodo di ora legale per il 2018 è pari a 116 milioni di euro.

L'ora solare verrà ripristinata tra il 27 e il 28 ottobre. Stanotte si dormirà un’ora di meno, e il rischio è anche quello di alzarsi vedendo aumentati alcuni dolori cronici come il mal di schiena. Meno sonno significa infatti meno riposo per i muscoli, di conseguenza, la possibilità che la colonna vertebrale possa non lavorare correttamente. E’ infatti stato dimostrato da alcuni studi che la maggior parte dei mal di schiena, circa il 50%, comincia proprio in questo periodo della giornata, quando conviene fare più precauzione sia con gli sforzi sia con le posizioni scorrette.

Una cosa che non molti sanno, poi, è che al mattino appena alzati siamo più alti di 1-2 centimetri rispetto alla sera quando siamo andati a letto: questo succede perché la colonna vertebrale, oltre che essere fatta da ossa, le vertebre appunto, è costituita anche dai cosiddetti dischi intervertebrali, degli ammortizzatori idraulici frapposti tra le singole vertebre. Al mattino i dischi sono pieni di acqua, che espellono in gran parte sin dalle prime ore della giornata; i dischi poi si riempiono nuovamente durante la notte, provocando la crescita mattutina, ma causando anche una messa in tensione di tutte le strutture della schiena.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna l'ora legale e gli esperti avvertono: "Al mattino raddoppia il rischio mal di schiena"

IlPescara è in caricamento