Coronavirus e adolescenti: le linee guida dell’esperta per “superare la pandemia”

Il Coronavirus ha destabilizzato la vita di tutti, adulti e bambini e anche gli adolescenti

Il Coronavirus ha destabilizzato la vita di tutti, adulti e bambini e anche gli adolescenti.

L’adolescenza è una delle fasi della vita più complesse, quando non ci si sente più troppo piccoli ma non si è troppo grandi per prendere decisioni importanti. È un momento, che dura un decennio, durante il quale i ragazzi cambiano moltissimo e spesso si rintanano tra amici e social, isolandosi il più delle volte dalla vita famigliare.

Motivo per cui Unicef ha chiesto a Lisa Damour, autrice ed editorialista ma soprattutto psicologa esperta della fase adolescenziale di stilare le linee guida per i ragazzi dagli 11 ai 21 anni per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Avere ansia è normale (e costruttivo)

Si parte dagli stati di ansia che potrebbero assalire i ragazzi rimasti a casa a causa delle scuole chiuse. “Gli psicologi hanno riconosciuto da tempo che gli stati di ansia sono un meccanismo normale e sano che ci mette in allarme rispetto a potenziali pericoli e ci aiuta ad adottare le giuste misure per proteggerci,” spiega Damour. “Il tuo stato di ansia ti aiuta a prendere la decisione che devi prendere in questo momento – non stare con altre persone o in grandi gruppi, lavare le mani e non toccare il viso”. Tutte queste sensazioni aiutano a stare al sicuro non solo te, ma anche gli altri in tempi di emergenza coronavirus. 

Un uso consapevole della Rete

Sono tanti i ragazzi che si affidano alla Rete per avere notizie e aggiornamenti sull'emergenza sanitaria. In questo caso il consiglio è quello di affidarsi a “fonti affidabili come i siti dell’Unicef e dell’Oms per reperire informazioni o verificare le informazioni con cui sei entrato in contatto attraverso canali meno attendibili”.

L'utilizzo del Web, poi, deve essere consapevole. "Non è una buona idea avere un accesso illimitato agli schermi e/o ai social media. Non è salutare, non è intelligente, può amplificare l'ansia", continua Damour, raccomandando di elaborare con i genitori un programma di pianificazione del tempo che si trascorre davanti allo schermo.

I sintomi e la paura di averne

È importante che i ragazzi informino i genitori o eventuali adulti di cui hanno fiducia di eventuali sintomi o, eventualmente, del timore di svilupparli. Gli adulti, poi, dovrebbero rassicurare i ragazzi circa la possibilità di guarigione dalla malattia. "Ricorda che la malattia causata dall’infezione di Covid-19 si presenta spesso in modo lieve, soprattutto per i bambini e i giovani,” continua Damour. “Ci sono molte cose concrete che possiamo fare per tenere noi stessi e gli altri al sicuro e sentirci più padroni della nostra vita: lavare le mani con frequenza, non toccare la faccia e impegnarci nel distanziamento sociale.”

Le distrazioni sono importanti, ma senza eccedere

“Gli psicologi sostengono che anche quando ti trovi a dover affrontare una situazione di difficoltà cronica, è molto utile dividere i problemi in due categorie: quelli su cui puoi agire direttamente, e quelli per cui non puoi fare nulla,” spiega Damour. Ci sono molte cose che adesso rientrano nella seconda categoria e va bene, ma una cosa ci può aiutare ad affrontare tutto questo: creare distrazioni per noi stessi". 

Come passare il tempo

Quali strategie mettere in atto per passare il tempo durante la giornata in casa? Ora che le scuole sono chiuse, una volta finiti i compiti, è necessario trovare un nuovo equilibrio. Benvenuti dunque film, libri e social network che permettono di restare in contatto con i coetanei, come Instagram o Tik Tok. "Non sottovaluterei mai la creatività degli adolescenti", dice Damour, "La mia idea è che troveranno modi per connettersi l'uno con l'altro online che sono diversi da quelli utilizzati in precedenza". 

L'occasione giusta per ascoltare se stessi e le proprie passioni

“Sto facendo una lista di tutti i libri che voglio leggere e delle cose che ho intenzione di fare,” dichiara Damour. Un atteggiamento proattivo nei confronti dell'isolamento domestico. Ed è lo stesso che dovrebbero tenere i ragazzi. Questo infatti è il momento giusto per imparare ad usare uno strumento, coltivare un hobby, scoprire i propri talenti

Sii gentile, verso te stesso e gli altri

Alcuni adolescenti stanno subendo bullismo e abuso a causa del coronavirus. “Attivare le persone presenti è il modo migliore per affrontare qualsiasi tipo di bullismo", afferma Damour. "I bambini e gli adolescenti che vengono presi di mira non dovrebbero affrontare i bulli, ma dovremmo piuttosto incoraggiarli a rivolgersi ad amici o adulti per ricevere aiuto e sostegno". Se vedi che un tuo amico viene bullizzato, parlagli e prova ad offrirgli supporto. Non fare nulla può lasciare che quella persona pensi che siano tutti contro di lui/lei e che nessuno se ne preoccupi. Le tue parole possono fare la differenza. E ricorda: adesso più che mai abbiamo bisogno consapevoli di ciò che condividiamo o diciamo perché potrebbe ferire gli altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Classifica Eduscopio 2020: le migliori scuole superiori di Pescara

  • Google Career Certificates: i corsi di alta formazione a basso costo e che durano solo 6mesi

  • Iscrizioni alla scuola dell’infanzia 2021/2022: si inizia dal 4 gennaio

  • Didattica a distanza senza consumare il traffico dati: Tim, Vodafone e Wind Tre accolgono l’invito del Governo

Torna su
IlPescara è in caricamento