Lavorare nei nidi e nelle scuole dell’infanzia: le professioni e come formarsi

Un lavoro gratificante ma di grande responsabilità

@unsplash

Chi vuole lavorare con i bambini piccoli, può formarsi per diventare educatore o maestro e intraprendere la propria carriera all’interno degli asili nido e nelle scuole dell’infanzia, o materne.

Sono mestieri gratificanti ma di grande responsabilità e che richiedono una pazienza infinita. Gli infanti vanno, infatti, sia educati che stimolati con giochi e attività sempre nuove.

Come diventare educatore per l’asilo nido

Il nido è frequentato da bimbi piccolissimi, da 0 a 3 anni. Lettura, disegno, gioco e musica sono alla base di ogni attività che i più piccini possono svolgere all’interno di questo spazio confortevole e sicuro. L’educatore si occupa al 100% dei neonati, dalla pappa all’igiene alla nanna. Inoltre, a suo modo, deve avere a che fare anche con i genitori, informandoli sui comportamenti del bimbo e delle nuove tappe raggiunte dal figlio.

Per lavorare in un asilo nido si può seguire un corso specializzato con attestato rilasciato dalla Regione, che consente di lavorare anche in ludoteche e baby parking, oppure conseguire la laurea in scienze dell’educazione.

Come diventare maestro d’asilo

La scuola dell’infanzia, o materna, è frequentata da bambini dai 3 ai 6 anni. Gli spazi che accolgono i più piccoli devono sempre essere sicuri, puliti e disinfettati e il maestro dovrà stimolare i bimbi sotto diversi aspetti, che consentano lo sviluppo fisico, cognitivo, emotivo e sociale. Il maestro deve favorire la crescita dell’autonomia e dell’autostima.

Per diventare maestro d’asilo bisogna conseguire la laurea in scienze della formazione primaria e partecipare a un tirocinio, che permetterà di mettere in pratica quanto appreso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operatori turistici: un nuovo corso di formazione gratuito

Torna su
IlPescara è in caricamento