Fabio Di Lizio e Carlo Nannicola espongono al Museolaboratorio

Sabato 2 giugno alle ore 18.30 si inaugurano le mostre personali di Fabio Di Lizio “Tabula Fabula”, a cura di Enzo De Leonibus, e di Carlo Nannicola "Lassie non torna a casa. Domani è un altro giorno", a cura di Maurizio Coccia. Entrambe saranno visitabili fino al 23 giugno.

"Tabula Fabula"

Si tratta di lavori, recenti e non, tecnicamente eterogenei, che ci rimandano a quelle scoperte senza pura intenzionalità con sintonizzazioni affettive nei confronti dell'ambiente circostante, a quelle proto-esperienze rivolte alla proprietà elementari, ma alquanto significative dal punto di vista estetico, degli oggetti-cose di fronte a noi, al piacere della ripetizione e della variazione che insieme generano attese e anticipazioni circa il da farsi, il da esserci. All'infanzia, a quella stupefacente favola dove ogni cosa sta al suo posto come anche no, e ciò non fa problema, anzi. Tornare a quei segni che hanno scavato, inciso, forgiato, impresso, e rinascere, di nuovo e di continuo, attraverso quelle immagini che ci rapiscono come in un sentimento d'intensificazione della nostra vita e di ben-essere nella trama di relazioni con il commercio del mondo e con gli altri che ne fanno parte. Alla chiusura della mostra sarà presentato il catalogo, con un testo critico di Domenico Spinosa.

"Lassie non torna a casa. Domani è un altro giorno"

Si tratta di un corpus di opere tecnicamente eterogenee, ma accomunate da una critica feroce a quella sorta di “immaginario dell’orrore” che dilaga nei media popolari. Come un novello Hogarth, moralista senza la presunzione di educare, Nannicola allestisce una sfrenata e colorata sarabanda gremita di atomiche in rosa, avvistamenti alieni nei cieli quattrocenteschi, carte da parati di indubbio gusto militare. Tra stampe 3D e installazioni sonore, sculture ammiccanti e titoli satirici, Nannicola rielabora l’eredità Pop aggiornandola al gusto – e alle nevrosi – della comunicazione ai tempi del Web. Tuttavia, anche se sembra prevalere lo sguardo edonistico dell’irrisione e dello sberleffo, la mostra si conclude invece con un austero e pudico omaggio alla straziata città dell’artista. Alla chiusura della mostra sarà presentato il catalogo, pubblicato da ARTE Edizioni, con testi di Maurizio Coccia e Teresa Macrì.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Disobbedisco”, la Rivoluzione di d’Annunzio in una mostra all’Aurum

    • dal 1 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Aurum
  • Il fotografo madrileno Alvaro Deprit in mostra con «Sw»

    • Gratis
    • dal 12 al 26 settembre 2020
    • Nero - La Factory
  • “Plusultra” di Daniela Spaletra al 16 Civico

    • Gratis
    • dal 12 settembre al 12 ottobre 2020
    • 16 Civico

I più visti

  • “Disobbedisco”, la Rivoluzione di d’Annunzio in una mostra all’Aurum

    • dal 1 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Aurum
  • Inaugura la nuova concessionaria Autoepi Honda

    • solo oggi
    • Gratis
    • 19 settembre 2020
  • La "Carovana della Prevenzione" di Komen Italia fa tappa a Pescara

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 18 al 20 settembre 2020
  • Torna "La Notte dei libri - parole e voci d’autore", appuntamento all'Aurum

    • solo domani
    • Gratis
    • 20 settembre 2020
    • Aurum
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    IlPescara è in caricamento