Eventi

Giornata mondiale dei prematuri: domenica 17 novembre assessore, reparto e volontari insieme per "Note di vita”

L'iniziativa è stata presentata oggi in Comune e prevede la collaborazione fra assessorato, reparto di Neonatologia e Tin (Terapia intensiva neonatale) e l'associazione "L’Abbraccio dei prematuri"

Domenica 17 novembre appuntamento a Pescara con "Note di vita", l'iniziativa organizzata dall'assessore Di Nisio, dal reparto di Neonatologia e Tin (Terapia Intensiva Neonatale) dell'ospedale di Pescara e dall'associazione di volontariato "L'abbraccio dei prematuri", nell'ambito della giornata mondiale per il prematuro.

Per l'occasione, grazie ad una sinergia d'intenti ed alla collaborazione delle tre parti coinvolte ci saranno una serie di appuntamenti con il concerto della violonista Sara D'Ostilio che si esibirà nel reparto che si trova al sesto piano ala est dell'ospedale di Pescara, che per l'occasione sarà aperto a tutti coloro che vorranno conoscere il lavoro di altissimo livello svolto dal personale in appoggio anche al reparto di chirurgia pediatrica. Il reparto pescarese è l'unico in Abruzzo e nel Molise in grado di accogliere h24 i piccoli pazienti.

La giornata inizierà alle 10,30 per poi proseguire con la visita al reparto e la donazione, da parte dell'associazione di volontariato, delle copriincubatrici, mentre alle 17.30 ci sarà la messa nella cappella del nosocomio.

La reponsabile del reparto, la dottoressa Di Valerio, ha speigato:

Questa giornata mondiale nasce per informare sulle problematiche dei bambini nati prematuramente, i quali necessitano di un’assistenza capillare che coinvolge anche i genitori che spesso si sentono defraudati dei primi gesti di affetto nei confronti dei loro figli. In reparto operano ottime figure professionali ai quali si affiancano i volontari dell’associazione che danno un grandissimo contributo nella gestione logistica e psicologica. La vita per questi bambini inizia in salita ma nel 99% dei casi i problemi vengono tutti superati

L'assessore Di Nisio ha aggiunto:

Nel mondo 1 bambino ogni 10 nasce prematuro, vale a dire prima del termine. Si tratta di soggetti più fragili che necessitano di cure specifiche e attrezzature cliniche complesse e appropriate. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ogni anno nascono nel mondo 15 milioni di bimbi prematuri. Si stima che circa 1 milione muoia per l’assenza di semplici strategie assistenziali di primo livello, misure che potrebbero salvare 3 neonati su 4.

La prematurità costituisce la causa più frequente di decesso nel primo anno di vita. I grandi prematuri hanno un elevato rischio di esiti a breve e lungo termine per l’instaurarsi di patologie croniche che possono interferire sullo sviluppo successivo psico-motorio e sensoriale. Nel mondo occidentale, grazie alla ricerca scientifica e allo sviluppo tecnologico, sono largamente migliorati i tassi di sopravvivenza e la qualità di vita dei bambini sopravvissuti.

La presidente dell'associazione "L'abbraccio del prematuro" ha spiegato che oltre all'assistenza medica per il bimbo, è fondamentale la vicinanza psicologica e sociale alle famiglie. Per l'occasione, il ponte Flaiano sarà illuminato di viola, il colore simbolo della prematurità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale dei prematuri: domenica 17 novembre assessore, reparto e volontari insieme per "Note di vita”

IlPescara è in caricamento