rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Eventi

Al premio Pulitzer per la poesia Paul Muldoon il riconoscimento “Città di Pescara-Sinestetica 2024”

Il poeta nord-irlandee riceverà il premio all'Auditorium Petruzzi mercoledì 29 maggio alle 16. Il direttore artistico di Sinestetica Luigi Colagreco: "Sarà un momento importante di condivisione e di confronto sui temi e sulle forme della poesia e dell'arte contemporanea"

Il poeta nord irlandese Paul Muldoon, premio Pultzer 2003 per Moy Sand and Gravel sarà all'Auditorium Petruzzi mercoledì 29 maggio per ricevere il premio “Città di Pescara-Sinestetica 2024” nell'ambito del settimo concorso nazionale Sinestetica per la poesia inedita e videopoesia-premio Rossella Micia Cecconi 2024. La cerimonia a ingresso libero, si svolgerà alle 16 e sarà presentata dalla filologa Conetta Mari Leone. Un riconoscimento quello che andrà a Muldoon che nelle passate edizioni ha visto la presenza in città di personaggi come Valerio Magrelli, Jean Portante, Víctor Rodríguez Núñez e Jan Wagner. 

“Anche quest'anno gli appassionati di poesia e tutti coloro che parteciperanno alla cerimonia del 29 maggio potranno ascoltare e incontrare uno dei maggiori esponenti della letteratura mondiale, già premio Pulitzer per la Poesia nel 2003.- dichiara il direttore artistico di Sinestetica Luigi Colagreco -. Sarà un momento importante di condivisione e di confronto sui temi e sulle forme della poesia e dell'arte contemporanea”.

Chi è il poeta Paul Muldoon, premio Pulitzer nel 2003

Nato in Irlanda del Nord (Portadown) nel 1951, Paul Muldoon si è laureato alla Queen’s University di Belfast (1973), dove ha incontrato fra gli altri Michael Longley e il Premio Nobel Seamus Heaney che ha apprezzato le sue prime poesie e favorito la pubblicazione di New Weather (1973), prima delle sue numerose raccolte di versi, poi antologizzate in italiano nel volume (a cura di Luca Guerneri, Mondadori, 2008). Considerato dal New York Times “uno dei due o tre più esperti rimatori che ora scrivono in lingua inglese”, è stato insignito di molti dei maggiori riconoscimenti, tra i quali il Geoffrey Faber Memorial Prize (per Why Brownlee Left nel 1982 e Madoc: A Mystery nel 1992) e il èremio Pulitzer per la poesia 2003 per Moy Sand and Gravel (volume del 2002 pubblicato in Italia da Guanda nel 2009 con il titolo Sabbia, traduzioni di Giovanni Pillonca). Le sue poesie sono state raccolte in quattro libri: Selected Poems 1968-1986 (1986), New Selected Poems: 1968-1994 (1996), Poems 1968-1998 (2001) e Selected Poems 1968-2014 (2016).

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Autore colto e poliedrico, all'attività poetica ha affiancato quella di critico, traduttore e narratore, pubblicando saggi critici, libretti, canzoni rock e numerosi libri per bambini e traducendo in inglese le opere di diversi poeti irlandesi, tra cui Nuala Ní Dhomhnaill. Oggi insegna Creative writing alla Princeton University e nel 1999 è stato nominato Professor of Poetry a Oxford, compito che lo impegna in tre letture all’anno.

Il concorso Sinestetica


Il Concorso nazionale Sinestetica, organizzato dall’aps Mira e dal Centro di poesia e altri linguaggi con l'altopPatrocinio di Regione Abruzzo, ambasciata in Italia del Granducato di Lussemburgo, Provincia di Pescara, Comune di Pescara, dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali (Dilass) dell'università d'Annunzio” di Chieti-Pescara, Fondazione PescarAbruzzo ed Ente mostra artigianato artistico abruzzese, è ideato e diretto dal poeta Luigi Colagreco con l'intento di promuovere una visione interdisciplinare e intermediale della poesia. L'iniziativa è rivolta agli autori di ogni età e agli studenti delle scuole secondarie di primo e di secondo grado. Le giurie, presiedute dal poeta Loretto Rafanelli, sono composte da autori e studiosi nel campo della letteratura e dell'arte contemporanea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al premio Pulitzer per la poesia Paul Muldoon il riconoscimento “Città di Pescara-Sinestetica 2024”

IlPescara è in caricamento