A Silvi concerto dedicato a Claudio Monteverdi: Vespro della Beata Vergine

L'associazione Ensemble '900 di Pescara, in collaborazione con l'Orchestra Barocca Santa Teresa dei Maschi, l'Ensemble Vocale Florilegium Vocis, Vox Poetica Ensemble ed Ensemble Nova Alta, organizza, nell'ambito della 18a stagione di concerti "SeicentoNovecento", il concerto di chiusura presso la Chiesa S. Maria Assunta a Silvi Marina sabato 24 settembre alle ore 21. Il programma sarà dedicato a Claudio Monteverdi: Vespro della Beata Vergine.

Questa opera, tra le più importanti scritte da Monteverdi, approda in Abruzzo per la prima volta. Infatti, l'esecuzione avverrà con strumenti originali e/o copie, e l'organico vocale strumentale supererà le 50 unità. Una formula di grande impatto, travolgente, così come avveniva nel '600.

L'ingresso è di 5 € per la raccolta fondi a favore della Fondazione Negri Sud di S.Maria Imbaro.

In occasione dei festeggiamenti che nel 2017 porteranno a ricordare il 450° anno dalla nascita del grande maestro Claudio Monteverdi, il progetto di Ensemble'900 in collaborazione con la Cappella S. Teresa dei Maschi di Bari, vuole dedicare lo studio ed il lavoro ad uno dei capolavori sacri del maestro cremonese: Il Vespro della Beata Vergine del 1610. Come è noto, l'opera scritta negli ultimi anni della permanenza mantovana alla corte dei Gonzaga, con molta probabilità nel 1607, non riporta alcun tipo di testimonianza di esecuzione alcuna, potrebbe non essere mai stata eseguita, quindi mai ascoltata dall'autore.

Molti musicologi sono propensi nel pensare che con molta probabilità potrebbe aver visto la prima esecuzione qualche anno dopo, tra il 1613/14, durante il suo nuovo incarico di maestro di cappella presso la Basilica di S. Marco a Venezia. Probabilmente proprio la grandezza strumentale e vocale dell'opera, con vari strumenti e molteplici polifonie, fa pensare a una visione e una dimensione esecutiva molto ampia, tipica di una basilica come S. Marco, ricca di tradizione policorale e strumentale.

Alcuni dubbi a queste affermazioni nascono dal contenuto stesso dell'opera. L'introduzione al Vespro, dopo l'incipit gregoriano del "Deus in adiutorium meum", il glorioso "Domine ad adiuvandum", cita chiaramente la sinfonia iniziale del famoso Orfeo, opera prima del maestro, che proprio nel 1607 vide la sua prima esecuzione a Mantova, presso Palazzo Ducale, con un conseguente enorme successo e fama. Con molta probabilità, l'uso di questa citazione, punta proprio al riconoscimento negli ambienti mantovani, una sorta di slogan pubblicitario, per garantire ulteriore fama e garanzia del musicista più noto della città.

Alla luce dei circa 400 anni di vita dell'opera, la sua freschezza e lucentezza, dona ancora, agli attenti ascoltatori, sensazioni di benessere spirituale e fisico, che solo la musica di Monteverdi sa dare. Una musica che grida l'egemonia italiana di questi secoli e che si propaga in tutti noi uomini contemporanei, con lo splendore e i fasti del suo tempo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Percorsi d'arte contemporanea": 122 opere per la 14esima asta della Fondazione Genti d’Abruzzo

    • Gratis
    • dal 9 al 23 maggio 2021
    • Sala Favetta del Museo delle Genti d'Abruzzo
  • “Pelle”, al Museo delle Genti d’Abruzzo la nuova mostra personale di Pep Marchegiani

    • Gratis
    • dal 8 maggio al 12 giugno 2021
    • Museo delle Genti d'Abruzzo
  • 'Las.fair', la fiera dell'arte emergente all'Aurum di Pescara: appuntamento a maggio

    • dal 28 al 30 maggio 2021
    • Aurum
  • In via delle Caserme performance "diffusa" del liceo Misticoni Bellisario

    • Gratis
    • 21 maggio 2021
    • Museo delle Genti d'Abruzzo
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    IlPescara è in caricamento