rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cinema Montesilvano

“Call Me Baby”, presentato il trailer del film girato a Montesilvano

Le attrici protagoniste saranno Giulia Giusti di 22 anni e Claudia Zerulo di 19, entrambe di Francavilla, che interpreteranno Sara e Susi, due ragazze diverse per estrazione sociale e per carattere ma che si troveranno invischiate in giri sbagliati

«Abbiamo sposato questo progetto con convinzione, sicuri degli ottimi risvolti in termini di promozione turistica e culturale per la nostra città. I frutti sono già evidenti, dal momento che questa iniziativa ha già portato Montesilvano a Londra».

Lo ha detto l’assessore alla Cultura, Ottavio De Martinis, nel corso della conferenza stampa di “Call me Baby”, il film che verrà interamente girato a Montesilvano per approdare in tutte le sale cinematografiche. Il film, incentrato sul disagio giovanile, è realizzato dalla società cinematografica “Lo Studio” in co-produzione con la Epm Produzioni. A presentare il teaser, proiettato lo scorso 7 dicembre, a Londra al Bond Street Awards, c'erano Dario Angelucci, regista, e Francesco Rizzi, sceneggiatore, il maestro Roberto Porpurini, autore della colonna sonora, Carlo Corlianò, produttore.

«Il nostro obiettivo -  ha illustrato Francesco Rizzi -  è quello di raccontare una storia che può accadere ovunque. La città di Montesilvano ci ha dato una grande opportunità di portare avanti il nostro progetto, attraverso cui vogliamo mettere in luce argomenti talvolta trascurati».

Le attrici protagoniste del film saranno Giulia Giusti di 22 anni e Claudia Zerulo di 19, entrambe di Francavilla al Mare, che interpreteranno Sara e Susi, due ragazze diverse per estrazione sociale e per carattere ma che si troveranno invischiate in giri sbagliati. Molti altri gli attori abruzzesi che fanno parte del cast, da Tiziana Di Tonno a Claudio Collevecchio a Viviana Bazzani. Tra le location individuate, l’hotel Le Nazioni, l’istituto comprensivo I. Silone, e poi ancora bar e ville della città.

«Questa città -  aggiunge il regista Dario Angelucci -  ha una grande capacità camaleontica, offre un ampio ventaglio di location che ci permettono di spiegare bene i contenuti di questo film che è un noir, ma che vuole trasmettere un messaggio di cambiamento  e di speranza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Call Me Baby”, presentato il trailer del film girato a Montesilvano

IlPescara è in caricamento