rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Eventi

Oltre 3.500 presenze per l'edizione 2022 del Pescara Liberty Festival

Il direttore del festival culturale che si è tenuto nei giorni scorsi a Pescara ha tracciato un bilancio estremamente positivo per le presenze nelle sette serate

Oltre 3.500 presenze con un pubblico attento ed entusiasta delle sette serate per la seconda edizione del Pescara Liberty Festival. Il direttore Sergio Rendine ha tracciato un bilancio estremamente positivo della rassegna culturale andata in scena nei giorni scorsi, offrendo coraggio e creatività con un programma accattivante e di successo: dal 24 al 30 luglio la rassegna è diventata a tutti gli effetti un'anteprima del Festival Danunziano in programma a settembre. Rendine ha dichiarato:

“Abbiamo avuto il piacere di ospitare circa 500 partecipanti per ogni sera - dichiara il direttore Sergio Rendine -. Equivale a dire almeno 3500 persone. Ma oltre alla quantità voglio sottolineare la qualità del nostro pubblico, fatto di persone attente che hanno seguito e partecipato con vivo interesse, dimostrato ad esempio, anche dalla voglia di intrattenersi a fine spettacolo”.

Il festival si è aperto con uno suggestivo spettacolo intitolato Fantasia di luci, acqua e fuoco danzanti, per non dimenticare l’incendio della Pineta dannunziana. Su musica da Passio et Resurrectio di Sergio Rendine, da un disco Naxos. Numerosissimi i partecipanti. 

Lunedì 25 luglio è stata la volta di Luna d’Estate, un originale recital-musicale che ha visto oltre quaranta artisti coinvolti, presentandosi come un unicum mondiale per il fatto che le romanze di Tosti, scritte per voce e pianoforte, per la prima volta sono state realizzate in una versione sinfonico corale, concepita da Ernani Catena che ha anche diretto il concerto. Sul palco anche la soprano Chiara Tarquini e il tenore Tommaso Mangifesta, con la partecipazione straordinaria degli attori Debora Caprioglio e Pino Ammendola.  

Più di dieci minuti di applausi per Antonella Ruggiero che si è esibita martedì 26 in Souvenir d’Italie, insieme ai bravissimi Paolo Di Sabatino, pianoforte e Renzo Ruggieri, fisarmonica. "Paese mio bello, L’Italia che cantava e canta", con Lello Giulivo, ha invece coinvolto il pubblico mercoledì 27 luglio con un concerto a quattro voci e due chitarre.  Tra i protagonisti anche Maurizio Rolli, giovedì 28, che si è esibito in "A contrary motion", un concerto ispirato a Storie dell’età del Jazz di Francis Scott Fitzgerald.

Venerdì 29 il concerto Musiche Neo Liberty frutto dell’estro di alcuni tra i più grandi compositori italiani - Marco Betta, Lorenzo Ferrero, Marco Tutino, Sergio Rendine e Luciano Bellini, quest’ultimo è stato anche direttore del concerto - che hanno scritto appositamente per il Pescara Liberty Festival, e dalla bravura dei musicisti sul palco: i solisti Marianne Li, Mimmo Malandra e Antonella Vitelli, con l’orchestra sinfonica Amadeus.

Finale sabato 30 luglio con un perfetto connubio fra  musica, cinema e sociale grazie alla proiezione del film "Coda - I segni del cuore", vincitore dei tre Premi Oscar, dedicato in particolare alla comunità sorda, e poi con lo spettacolo" Immaginifico notturno" diretto dall’esperta regista Eleonora Paterniti, con un encomiabile quartetto di musicisti e Andrea Bosca  nei panni di D’Annunzio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 3.500 presenze per l'edizione 2022 del Pescara Liberty Festival

IlPescara è in caricamento