menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'allarme del sindcato Unsic: "In Abruzzo aumentano i contagi nelle scuole, soprattutto nel Pescarese"

Il sindacato datoriale contesta le affermazioni fatte dal ministro Azzolina che parla di contagi stabili nelle scuole italiane

I dati dimostrano che quanto affermato dal ministro Azzolina sull'andamento dei contagi nelle scuole italiane non è corretto. Lo ha detto il sindacato datoriale Unsic, che da settembre ormai monitora costantemente la situazione e spiega come, dopo la riapertura delle scuole passate le vacanze natalizie, i contagi siano tornati a salire fra alunni e personale scolastico in modo preoccupante.

In Abruzzo, ad esempio dall'11 gennaio ad oggi si è passati da 1.572 a 1.957 contagi. L’incremento maggiore nelle province di Pescara (da 468 a 693) e Chieti (da 487 a 633), poi Teramo (da 323 a 379) mentre L’Aquila scende da 255 a 223. A fronte di un trend generale nel Paese che mostra, invece un calo ormai abbastanza consolidato.

In Molise molti istituti stanno chiudendo per casi nelle classi come a Termoli dove il sindaco ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado dall'1 al 10 febbraio per alcuni cluster individuati. Problemi anche a Frosolone, Mirabello, Palata, Sant’Elia a Pianisi, Campomarino che è zona rossa.

Ricordiamo che proprio ieri il sindaco di Pescara Masci con un'ordinanza ha stabilito la chiusura di diversi istituti in città fino al 14 febbraio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento