rotate-mobile
Economia

Tim: arrivano i collegamenti ultraveloci in 46 comuni del Pescarese

Saranno coperti in fibra ottica i nuovi civici già individuati all’esito delle attività di ‘walk-in’, vale a dire i sopralluoghi tecnici eseguiti con l’obiettivo di rilevare il numero effettivo delle unità immobiliari oggetto di collegamento

Tim accelera sulla fibra ottica in Abruzzo e attraverso FiberCop, la società infrastrutturale del gruppo, dà impulso agli interventi di cablaggio previsti dal ‘Piano Italia 1 Giga’ nell’ambito del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) per portare connessioni ultrabroadband in 285 comuni della regione. L’obiettivo è collegare con la fibra ottica circa 175 mila numeri civici situati nelle aree individuate dal bando.

Interessati anche 46 comuni del Pescarese.

Il raggruppamento temporaneo d’impresa (Rti) composto da Tim e FiberCop, infatti, si è aggiudicato 7 Lotti del bando ‘Piano Italia 1 Giga’ per complessive 10 regioni, tra cui l’Abruzzo, più le province autonome di Trento e Bolzano.

L’investimento in Abruzzo rientra nel più vasto programma di interventi previsti dal lotto 3 del bando che comprende anche Molise, Marche e Umbria, dal valore complessivo di circa 546 milioni di euro di cui 306 milioni di contributo pubblico attraverso i fondi del Pnrr e 240 da parte del Gruppo Tim.

Saranno coperti in fibra ottica i nuovi civici già individuati all’esito delle attività di ‘walk-in’, vale a dire i sopralluoghi tecnici eseguiti con l’obiettivo di rilevare il numero effettivo delle unità immobiliari oggetto di collegamento.

 I 285 comuni abruzzesi interessati dagli interventi per la realizzazione delle reti ultraveloci previsti dal ‘Piano Italia 1 Giga’ sono così suddivisi a livello di ciascuna provincia: Pescara 46, L’Aquila 99, Chieti 95 e Teramo 45.

Attualmente i lavori sono già partiti in 64 comuni, mentre il completamento del piano è previsto entro giugno 2026.  

Si tratta di un progetto ambizioso con tempi di attuazione stringenti che necessitano della piena integrazione e collaborazione tra tutte le parti coinvolte e di particolare attenzione per le peculiarità del territorio e le dimensioni dell’intervento.

 “Le reti ultraveloci sono un fattore cruciale per lo sviluppo economico e la trasformazione digitale dei territori - dichiara Francesca Petriacci, responsabile operations area centro di Tim -. L’apertura dei cantieri in Abruzzo segna l’avvio di un importante modello di collaborazione tra tutti gli attori coinvolti, elemento fondamentale per un intervento di queste dimensioni. Si tratta di un’importante sfida che richiede un grande sforzo organizzativo da parte della nostra azienda per cablare circa 175 mila civici alla conclusione del Piano. Per questo abbiamo già messo in atto una serie di importanti azioni a sostegno delle imprese appaltatrici locali e potenziato le nostre strutture interne di progettazione con l’obiettivo di velocizzare al massimo l’esecuzione dei lavori. È inoltre necessario che tutti gli enti coinvolti siano sensibili all’importanza e alla portata del piano”.  

Tim, attraverso FiberCop, prosegue così il proprio percorso per realizzare una rete ultrabroadband su tutto il territorio nazionale. FiberCop già oggi garantisce una copertura di oltre il 94% delle linee fisse attraverso tecnologie fttc e ftth e proseguirà nello sviluppo della copertura ftth, con velocità di connessione fino a 10 gigabit/s, con l’obiettivo di raggiungere circa il 60% delle unità immobiliari su base nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tim: arrivano i collegamenti ultraveloci in 46 comuni del Pescarese

IlPescara è in caricamento