Terremoto, i Comuni della Val Pescara vogliono i rimborsi

Non mollano i Comuni della Val Pescara, esclusi dal decreto legge sul terremoto, che non prevede il rimborso completo per i danni avuti a causa del sisma. Dopo l'incontro a L'Aquila con la Protezione Civile, il vertice a Pianella

Restano sul piede di guerra i sindaci dei Comuni della Val Pescara, colpiti dal terremoto del 6 aprile, ma esclusi, almeno per ora, dai rimborsi previsti dal Governo per la ricostruzione.

Dopo l'incontro avvenuto il 17 giugno scorso a L'Aquila, dovei, insieme ai Comuni della Valle Peligna, hanno discusso con il vice commissario della Protezione Civile, che li ha rassicurati circa una modifica sostanziale del decreto, ora si pensa alle strategie comuni per la richiesta dei fondi.

In un vertice a Pianella i sindaci di questi paesi, in alcuni casi duramente colpiti dal sisma, cercheranno una strategia collettiva da attuare per inviare le richieste e sollecitazioni alla Protezione Civile al fine di ottenere i rimborsi.

Bertolaso ha più volte rassicurato tutti gli amministratori, affermando che nessuno rimarrà escluso dagli aiuti, ma lo scettismo resta.

Alcune realtà del pescarese, come Bussi e Popoli, hanno subito danni al patrimonio artistico e culturale molto ingenti, che richiederanno anni di restauro e lavori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento