Economia

Tassa Cosap: è guerra fra benzinai e Comune

I gestori dei distributori in città hanno ricevuto delle cartelle per il mancato pagamento della tassa sul suolo pubblico e parlano di un'ingiustizia in quanto la gabella non sarebbe dovuta. Ma il Comune non cede

Braccio di ferro fra Comune e benzinai per la tassa Cosap, riguardante l'occupazione del suolo pubblico. In questi giorni, infatti, sono state inviate decine di cartelle agli operatori che hanno i distributori in città riguardanti il mancato pagamento della tassa che, secondo gli esercenti, sarebbe però illegittima.

I benzinai sostengono infatti di essere ubicati in aree private, e dunque la tassa di concessione verrebbe meno. Ma il Comune che intende arrivare alla riscossione delle gabelle, sostiene che la tassa riguarda anche aree private soggette a servitù di pubblico passaggio, e dunque vanno pagate.Le società ed i gestori delle stazioni di benzina hanno avviato un ricorso al Tar al quale ovviamente l'ente si opporrà. L'Api, ad esempio, si è vista recapitare una richiesta pari a 80 mila euro fra sanzioni e tasse non pagate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa Cosap: è guerra fra benzinai e Comune

IlPescara è in caricamento