Economia

Una speranza per la Tari, c'è al vaglio l'ipotesi di pagamenti senza sanzioni

Nessuna sanzione né interessi se la tassa sui rifiuti viene pagata entro il 10 aprile. Diodati: "Al vaglio una possibilità offerta dallo Statuto del contribuente, per venire incontro alla comunità in ritardo con la prima rata"

Il Collegio dei Revisori dei Conti ha ritenuto di non poter rilasciare il parere favorevole alla proposta di Delibera di Consiglio da noi predisposta con cui avevamo previsto il posticipo della prima rata del pagamento della Tari al prossimo 30 aprile”.

Lo afferma l'assessore alle Finanze del Comune di Pescara, Giuliano Diodati, che aggiunge: "Stiamo cercando di venire incontro alle esigenze dei cittadini che hanno intenzione di usufruire della dilazione, esplorando una possibilità studiata dai nostri uffici finanziari e offerta dallo Statuto del Contribuente e da altre normative di riferimento, che ci consentirebbero di non applicare sanzioni, né interessi se il pagamento della Tari avvenisse entro il prossimo 10 aprile".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una speranza per la Tari, c'è al vaglio l'ipotesi di pagamenti senza sanzioni

IlPescara è in caricamento