Economia Montesilvano

Strage di multe ai semafori, Confesercenti: "Un ulteriore favore ai centri commerciali"

Confesercenti interviene in merito alla questione delle telecamere installate sui semafori a Montesilvano, che hanno permesso alla polizia municipale di comminare oltre 10 mila multe in 3 mesi

Stop al "terrorismo" per gli automobilisti e cittadini di Montesilvano, e chiarezza sulle clausole del contratto fra l'amministrazione comunale e la ditta che fornisce le telecamere sui semafori. Confesercenti interviene in merito alla questione delle multe a raffica comminate negli ultimi tre mesi.

A parlare è Gianni Taucci, direttore provinciale: "È solo un grande favore alla grande distribuzione, che sta gongolando per un favore chissà se inatteso». Lo afferma Gianni Taucci, direttore provinciale di Confesercenti Pescara, intervenendo a nome di commercianti, artigiani e operatori turistici sulla vicenda del semaforo lungo la Nazionale Adriatica di Montesilvano. Combattere i furbetti dell’automobile è un dovere dell’Amministrazione, ma fare cassa e terrorizzare i cittadini mina alle fondamenta la fiducia verso le istituzioni " dichiara l'esponente di Confersercenti, che chiede chiarimenti sui rapporti fra Comune e ditta realizzatrice, in particolare se esiste un legame fra il numero di multe comminate e il guadagno per l'azienda.

STRAGE DI MULTE AL SEMAFORO DI VIA ADIGE

"L’unica strada per aiutare l’economia montesilvanese è incentivare l’afflusso di consumatori e turisti, mentre in queste ore è stato lanciato il messaggio che è meglio non avvicinarsi alla città. Il Comune faccia retromarcia e spieghi ai cittadini il senso di questa operazione" conclude Taucci.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di multe ai semafori, Confesercenti: "Un ulteriore favore ai centri commerciali"

IlPescara è in caricamento