Venerdì, 12 Luglio 2024
Economia Penne

La siccità nella diga di Penne mette a rischio anche il fagiolo "Tondino del Tavo"

A lanciare l’allarme è stato Marco Finocchio, presidente dell'associazione "L'Abruzzo in agris" in merito alla questione della scarsità d'acqua per l'irrigazione proveniente dalla diga di Penne

Anche la produzione del prestigioso fagiolo "Tondino del Tavo" tipico dell'entroterra vestino è a rischio a causa della siccità. A lanciare l'allarme Marco Finocchio, presidente dell'associazione 'L'Abruzzo in agris' in riferimento alla mancanza d'acqua nella diga di Penne che non permetterà di irrigare i campi per tutta la stagione estiva.

"Nella valle del Tavo non si ha praticamente la possibilità di irrigare. Tutti coloro che in valle hanno messo culture con doppia raccolta rischiano di perdere la seconda produzione. Il consorzio di bonifica centro ha in mente un progetto che potrebbe risolvere il problema anche per il futuro. Un progetto su cui ci siamo confrontati nella riunione del 4 giugno a Loreto Aprutino e che garantirebbe la possibilità di attingere l'acqua dalla val Pescara per distribuirla nella rete idrica della valle del Tavo. Il lungo commissariamento del consorzio di bonifica, risolto quest'anno con la nuova dirigenza, e le tante criticità impongono di necessità che la Regione sostenga il progetto che è indispensabile realizzare - ha concluso - Il fagiolo 'tondino del Tavo' viene seminato adesso e non c'è possibilità, al momento, di attingere l'acqua da un'altra parte anche perché il fiume Tavo é quasi asciutto, non possiamo rinunciare alle nostre specialità garantite dalla grande biodiversità offerta dalla nostra regione per carenze idriche occorre intervenire ora e garantire l'acqua necessaria per portare avanti le nostre produzioni tipiche apprezzate in tutto il mondo. "

Finocchio conclude:

"Il fagiolo tondino del Tavo è una varietà rustica, da un lato i grandi massicci della Maiella e del gran Sasso forniscono riparo dai venti occidentali. Piccolo e tondo, dal bianco all’avorio, il tondino del Tavo ha ottime proprietà nutrizionali e una buccia sottilissima che ne consente una cottura rapida e facile digestione. La semina è prevista per la metà di giugno e l’irrigazione è indispensabile nei momenti di scarsa piovosità che coincidono con il periodo di ingrossamento dei baccelli nel cuore dell'estate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La siccità nella diga di Penne mette a rischio anche il fagiolo "Tondino del Tavo"
IlPescara è in caricamento