Economia

Imprese abruzzesi ottimiste sulla ripresa post Covid: lievi ritardi nei pagamenti per altri 6 mesi

Il dato è emerso dall’European Payment Report di Intrum che ha intervistato le imprese di tutta Europa in merito alle previsioni per i ritardi nei pagamenti dovuti alla crisi Covid

Le imprese abruzzesi sono più ottimiste rispetto al resto del Paese sui tempi di ripresa dalla crisi Covid, in particolare per i ritardi nei pagamenti. Il dato emerge dall'European Payment Report di Intrum che ha intervistato oltre 11 mila imprese in Europa. In Abruzzo il tempo per l'annullamento degli effetti negativi della pandemia sul sistema economico è di circa 6 mesi per il 22% delle imprese contro il 13% della media nazionale con solo un lieve incremento del problema dei ritardi dei pagamenti.

Per tutelarsi dalla crisi economica diverse imprese del territorio (27% delle intervistate) stanno valutando di passare a un tasso di interesse fisso sui prestiti aziendali (solo il 13% in Italia). Attualmente il 42% delle imprese abruzzesi coinvolte da Intrum non si è detta disposta a negoziare i tempi di pagamento (in Italia la media si ferma al 24%) che si dimostrano complessivamente contenuti. Rispetto a una media nazionale del 30%, il 40% dei clienti corporate in Abruzzo paga tra 31 e 50 giorni mentre il 60% dei clienti consumer tra 21 e 30 giorni, la media nazionale è del 42%.

Per i pagamenti dalla pubblica Amministrazione, oltre il 70% delle imprese abruzzesi attende tra i 31 e 50 giorni mentre la media italiana è del 31%. Secondo il 67% degli imprenditori abruzzesi infine ci vorranno 10 anni per far sì che la Regione possa diventare cashless, ovvero che utilizzi esclusivamente moneta elettronica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese abruzzesi ottimiste sulla ripresa post Covid: lievi ritardi nei pagamenti per altri 6 mesi

IlPescara è in caricamento