rotate-mobile
Economia

Rinnovo Rsu, oltre 600 i candidati della Cisl funzione pubblica in Abruzzo e Molise

Per Vincenzo Mennucci, segretario generale della Cisl Fp Abruzzo Molise, “sarà uno straordinario momento di democrazia e di partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori"

La Cisl funzione pubblica si prepara a scendere in campo per il rinnovo delle Rsu nella pubblica amministrazione. Una nota diramata dal sindacato informa che in Abruzzo e Molise sono più di 600 le lavoratrici e i lavoratori che hanno scelto di candidarsi con questa sigla. Il loro intento, spiega il comunicato, è di "rappresentare tutti i colleghi nei luoghi di lavoro, attraverso il sindacato autonomo, solidale, ugualitario e che ha sempre ispirato la propria azione sindacale attraverso la contrattazione". Le operazioni di voto si svolgeranno in tutti i luoghi di lavoro dal 5 al 7 aprile.

Per Vincenzo Mennucci, segretario generale della Cisl Fp Abruzzo Molise, “sarà uno straordinario momento di democrazia e di partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori in un momento delicato e cruciale sotto ogni punto di vista: politico, economico e sociale. Questa è l’occasione per le nostre candidate e i nostri candidati di mettersi in gioco, con l’obbiettivo primario di cambiare le amministrazioni pubbliche, per renderle innovative e quindi più efficienti nella erogazioni dei servizi essenziali alla persona”.

E continua: “Solo attraverso investimenti mirati al ricambio generazionale, alla formazione continua del personale, alla contrattazione decentrata che ha l’obiettivo di riconoscere le tante professionalità presenti e riconsegnare dignità al lavoro, possiamo ammodernare la pubblica amministrazione per renderla sfidante e più efficiente”. Sono oltre 270 le liste Cisl Fp presentate nelle amministrazioni pubbliche delle due Regioni, tra sanità, ministeri e agenzie fiscali, Enti pubblici non economici ed Enti locali.

Insomma, l'appuntamento è assolutamente importante: “Siamo al termine di una campagna elettorale particolare per via dell’emergenza sanitaria, quindi sentiamo l’obbligo di ringraziare tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori pubblici, professionisti al servizio di intere comunità, che hanno accettato la delicata sfida mettendoci la faccia, consapevoli che con l’impegno in prima persona è possibile migliorare i servizi e le condizioni di lavoro nella pubblica amministrazione”, conclude Mennucci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinnovo Rsu, oltre 600 i candidati della Cisl funzione pubblica in Abruzzo e Molise

IlPescara è in caricamento