Economia

Rilancio dell'artigianato abruzzese: la Regione apre al confronto con la Cna

Il vicepresidente della Regione Lolli ha stabilito i punti cardine degli interventi che il governo abruzzese intende avviare per rilanciare il settore delle piccole imprese artigiane

Tre punti cardine per rilanciare le piccole imprese artigiane abruzzesi: trasmissione d’impresa, bottega-scuola e confidi. La Cna esprime soddisfazione dopo l'incontro con il vicepresidente Lolli a seguito delle proposte lanciate dall'associazione di categoria nei giorni scorsi.

Obiettivo primario, spiega la Cna, è quello di avere acceso al credito per le piccole imprese, che attualmente nella nostra Regione si trovano praticamente tutte le porte sbarrate da parte delle banche e degli enti finanziatori. "Lolli, ancora, ha promesso lotta senza quartiere alla burocrazia e ai suoi tempi-killer. è’ la madre di tutte le battaglie, non è possibile dover attendere anni per una autorizzazione: così chi vuole investire scappa dall’Abruzzo. La Regione non esclude, al termine del processo di accertamento dei residui di bilancio degli anni passati – per adesso ancora “top secret”, ma di sicuro di enorme consistenza - di reinvestirne una fetta significativa proprio per il rilancio della micro-impresa. E stavolta sul proprio bilancio."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rilancio dell'artigianato abruzzese: la Regione apre al confronto con la Cna

IlPescara è in caricamento