Sale la protesta di Confartigianato dopo l'incontro con la Regione: "Devono farci riaprire subito o sciopero fiscale"

Confartigianato chiede la riapertura immediata in Abruzzo di tutte le attività artigiane, considerando che l'Abruzzo è la regione che ha avuto meno morti

Riaprire subito tutte le attività artigiane in Abruzzo, altrimenti si valuterà uno sciopero fiscale. A parlare è Confartigianato Abruzzo con il vice presidente, Luciano Di Marzio, e il segretario generale regionale Di Marzio Daniele a seguito dell'incontro avuto con la Regione Abruzzo.

Secondo l'associazione di categoria, tutte le attività devono poter riaprire in deroga rispetto a quanto previsto dal Governo che indica come data quella del primo giugno, un intervallo insostenibile per i piccoli commercianti ed artigiani con una situazione diventata insostenibile. Occorre stanziare aiuti a fondo perduto, come avvenuto in altre nazioni dove sui conti correnti degli imprenditori sono arrivati soldi contanti per coprire le spese dei mesi di chiusura.

Va bene le garanzie anche se le banche sono state sempre garantite da tanti anni dai nostri confidi, ma purtroppo la grande burocrazia dello Stato italiano e la marea di carte da riempire, le quali sommate ai problemi che le banche stesse qualora l'impresa è segnalata sulla Crif o se ha avuto dei ritardi sui pagamenti, non eroga il finanziamento.

Altro problema è quello che le banche inizialmente, come anche pubblicato sui siti, ma per fortuna subito corretto dall'Abi, l'importo concesso garantito al 100% dal governo di 25.000 euro doveva servire a chiudere lo scoperto di conto corrente in essere e la differenza poteva essere resa disponibile sul conto corrente dell'impresa richiedente

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confartigianato evidenzia poi come in Abruzzo molte aziende che non raggiungono fatturato di 100 mila euro annui siano a rischio chiusura, e rappresentano la maggioranza del tessuto economico regionale. L'Abruzzo, prosegue, è la regione con meno morti e quindi con meno problemi di contagio. La riapertura è stata limitata all'attività di toelettatura di animali e non delle persone mentre sarebbe necessario poter riaprire subito estetiste, barbieri e parrucchieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo l'asse attrezzato, auto si ribalta e prende fuoco: tamponamento tra altre 4, ferite 6 persone [FOTO]

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Omicidio Jennifer Sterlecchini: annullata la condanna a 30 anni di carcere per Davide Troilo

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

  • È morto Antonello Luzi, volto noto delle tv private pescaresi

  • Camionista beccato con oltre mezzo chilo di cocaina a Pescara Colli: arrestato dai carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento