rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Economia

Porto, collegamenti con la Croazia: la Cna chiede interventi strutturali

La Cna di Pescara interviene in merito al bando di gara avviato dalla Camera di Commercio per assegnare il servizio di trasporto passeggeri estivo con la Croazia. "Bene ma occorrono interventi delle istituzioni"

La Cna plaude la decisione della Camera di Commercio di Pescara di pubblicare un bando per il trasporto turistico per la Croazia, chiedendo però interventi strutturali e incisivi da parte delle istituzioni locali per far sì che il Porto possa davvero ripartire, evitando disastri come quello del mancato dragaggio che ha paralizzato lo scalo per tre anni.

"Perché l’estate del 2014 possa davvero segnare una svolta positiva, tuttavia  occorre che si impedisca il ripetersi dei problemi che, complice il mancato dragaggio dei fondali, hanno portato alla totale paralisi del porto per tre anni. E con la certezza del dragaggio, occorre pure intervenire su quelle modifiche strutturali che, con il concorso finanziario della Regione e dello Stato, rendano definitivamente agibile il porto canale, per il traffico passeggeri, per quello delle merci e per l’attività di pesca. Adottando, inoltre, in via definitiva il piano regolatore portuale che deve diventare lo strumento di programmazione dell' infrastruttura" dichiara la Cna che sottolinea come la ripresa dei collegamenti con la Croazia sia fondamentale per il rilancio dello scalo portuale cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, collegamenti con la Croazia: la Cna chiede interventi strutturali

IlPescara è in caricamento