Politiche sociali: la protesta della Cgil davanti all'Assessorato in via Rieti

Questa mattina si è svolta, in via Rieti, nei pressi dell'Assessorato alle Politiche Sociali, una manifestazione di protesta della Cgil contro i recenti tagli al sociale decisi dalla Regione Abruzzo e dal Governo Centrale. "I cittadini non avranno più i servizi essenzali" ha dichiarato il segretario Ronca

foto0107Nella mattinata di oggi alcuni pensionati, iscritti alla CGIL e semplici cittadini si sono riuniti dinanzi la sede dell’Assessorato alle politiche sociali in via Rieti per protestare nei confronti delle scelte della regione Abruzzo e del Governo centrale, riguardanti i tagli indiscriminati alle risorse destinate al sociale ed alla sanità.

Portavoce della protesta il segretario regionale della CGIL Domenico Ronca il quale, alla richiesta di motivare la protesta inscenata risponde così: “Ad oggi, all’interno dell’azienda sanitaria regionale il deficit ammonta ad una somma pari a 150 milioni di €. Oltre a questa negatività, non vengono ancora attivati i servizi alternativi sul territorio, i quali consentirebbero alle strutture ospedaliere, attualmente al collasso, di respirare. A farne le spese sono i singoli cittadini che nel momento del bisogno si trovano a dover attendere settimane, mesi o addirittura anni per delle analisi o visite specialistiche”.

Il segretario conclude con le richieste avanzate alla regione Abruzzo: “Chiediamo il ripristino delle risorse indicate dal Piano Sociale Regionale in vigore per il 2009 e per i non autosufficienti, l’attivazione dell’assistenza Domiciliare Integrata con il mantenimento dell’obiettivo dell’1% del bilancio regionale per i servizi sociali.  Altro punto fondamentale è il ripristino delle regole indicate per gli appalti ed il trattamento salariale e normativo dei lavoratori e delle lavoratrici.”

Nel corso della mattinata, i manifestanti hanno tenuto a sottolineare come alle richieste che vengono proposte a livello nazionale, devono essere integrate quelle legate alla situazione a livello regionale che desta non poche preoccupazioni fra i cittadini.

I punti salienti delle richieste sono 4:

1) rimodulazione del piano di rientro del deficit della sanità abruzzese,
2) impegno della Giunta Regionale nel reperimento di risorse aggiuntive per il servizio sanitario abruzzese
3) riorganizzazione della rete ospedaliera con conseguente riorganizzazione della rete di emergenza ed urgenze
4) avvio delle procedure per l’abbattimento delle liste d’attesa, continuità assistenziale, attivazione delle Unità Territoriali per  l’assistenza primaria e l’attivazione dei Punti Unici di Accesso in ogni distretto.

foto0105

foto0106

foto0110



In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento