rotate-mobile
Economia

Pnrr, alla “d’Annunzio” oltre 4,8 milioni destinati a 120 borse di studio per dottorati

Le prime 40 borse di studio, vincolate a tematiche inerenti al Piano nazionale di ripresa e resilienza, saranno finanziate integralmente dal ministero dell’università e della ricerca con un impegno di spesa complessivo di 2.340 euro

Nell'ambito del Pnrr, all'università “d’Annunzio” sono stati destinati oltre 4,8 milioni di euro destinati a 120 borse di studio per dottorati. Le prime 40 borse di studio, vincolate a tematiche inerenti al Piano nazionale di ripresa e resilienza, saranno finanziate integralmente dal ministero dell’università e della ricerca con un impegno di spesa complessivo di 2.340 euro. Cofinanziate, inoltre, altre 80 borse, riservate a dottorati innovativi.

«È un risultato molto importante per l’Ateneo - commenta il Rettore, Sergio Caputi - che premia gli sforzi compiuti per il potenziamento dell’offerta formativa e delle attività di ricerca, anche a livello internazionale. L’ampliamento dei percorsi di dottorato costituisce una delle priorità della “d’Annunzio”, anche sulla scorta del grado di soddisfazione dei nostri studenti triennali e magistrali e dell’impegno della nostra Scuola Superiore, che ha ottenuto risultati significativi nella programmazione e nello sviluppo dei dottorati di ricerca. Va sottolineata - aggiunge il Rettore – la grande importanza dei dottorati industriali, che costituiscono sia un legame con il tessuto produttivo, sia un volano di sviluppo del territorio. Alle nostre borse di studio dottorali – conclude il Rettore - si aggiungono le quattro interamente finanziate ottenute da Unidav, nel segno di un rilancio che si conferma anche sul piano della ricerca».

Il professor Angelo Cichelli, direttore della scuola superiore “Gabriele d’Annunzio”, aggiunge: «La strategia di potenziamento del terzo livello della formazione accademica, il dottorato di ricerca, è sicuramente vincente in questa particolare congiuntura post-pandemica, caratterizzata dal potenziamento di filoni di ricerca innovativi, centrati sulle tematiche di ricerca individuate dal Pnrr. I nuovi finanziamenti erogati dal ministero premiano gli sforzi del nostro Ateneo, primo in Abruzzo per entità dei finanziamenti e numerosità delle borse di studio. La scuola superiore della “d’Annunzio” - conclude il professor Cichelli - si è già attivata per la definizione di collaborazioni e sinergie con imprese ed enti pubblici, al fine di costruire percorsi di ricerca che portino allo sviluppo di know how e professionalità spendibili in un mondo del lavoro sempre più dinamico e complesso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pnrr, alla “d’Annunzio” oltre 4,8 milioni destinati a 120 borse di studio per dottorati

IlPescara è in caricamento