menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara: rivoluzione scrutinatori, al via il sorteggio

E' stato approvato dalla Giunta Comunale il nuovo regolamento che prevede la scelta degli scrutatori tramite sorteggio, con precedenza ad alcune categorie deboli come disoccupati e studenti

E' stato approvato il nuovo regolamento comunale riguardante la scelta degli scrutinatori in occasione di consultazioni elettorali o referendum. Da oggi, infatti, si passa al sorteggio all'interno di una lista di iscritti con priorità ai disoccupati ed alle categorie più deboli. Fino ad ora, era in vigore il sistema della nomina diretta per chiamata da parte dei consiglieri comunali ed assessori.

L'assessore Di Pietro ha illustrato i dettagli del regolamento: "Si tratta di un impegno che avevamo preso con la città e che ci consente di coinvolgere meglio e dunque rendere parte anche alcune categorie speciali che vivono momenti di difficoltà. Abbiamo messo in cima alla lista cittadini che hanno perso il lavoro e sono in difficoltà perché non riescono a ricollocarsi e favorito l'accesso ai giovani, insieme ai cittadini che godono della sola pensione minima, o sono nella condizione di esodati o cassintegrati, tenendo comunque conto del titolo di studio posseduto per l'accesso al ruolo di scrutatore, che deve essere compiuto nel rispetto delle normative e che comporta precise responsabilità per chi lo assolve. Ovviamente una percentuale degli scrutatori verrà sorteggiata fra tutti gli oltre 8mila iscritti all'albo del Comune di Pescara".

SCRUTATORI, ARRIVA IL SORTEGGIO?

Una volta approvato dal Consiglio Comunale, il provvedimento prevede dal 1 febbraio al 15 marzo l'apertura di un bando per iscriversi nella lista degli scrutatori in modo da poter partecipare ai sorteggi. "Questo argomento, che oggi viene affrontato in modo così particolareggiato, finalmente prende spazio e forma e siamo contenti di essere stati proprio noi con il nostro piccolo gruppo a porre le tematiche che si sono concretizzate in una serie di regole, capaci di portare una soluzione che renda ancora più fruibile quello che è e resta un diritto civico”hanno dichiarato i consiglieri Lola Berardi e Scurti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento