menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche a Pescara arriva l'hashtag "#basta!"di Confcommercio per protestare contro la chiusura di bar e ristoranti [FOTO]

Confcommercio Pescara appoggia l'iniziativa della Fipe Confcommercio che protesta contro il decreto del Governo che impone la chiusura al pubblico degli esercizi pubblici per tutto il periodo natalizio

Anche Confcommercio Pescara si unisce alla protesta nazionale avviata dalla Fipe riguardante la chiusura al pubblico degli esercizi come bar e ristoranti per tutto il periodo natalizio, in base al decreto del Governo per contenere il contagio da Coronavirus.

Il presidente Padovano, infatti, ha sottolineato come tutto il settore degli esercizi pubblici abbia espresso profondo dissenso per questa decisione che di fatto porta a 160 le giornate in cui le imprese del settore sono state sottoposte a misure restrittive nel 2020. L'iniziativa prevede dei manifesti con l'hashtag "#Basta!" che saranno affissi davanti alle vetrine delle attività che, lo ricordiamo, a partire da domani 24 dicembre e fino al 6 gennaio saranno disponibili solo per l'asporto e le consegne a domicilio.

I pubblici esercizi assistono scoraggiati, esausti e increduli. Chiusi, aperti con precauzioni, aperti a metà, poi a tratti, minacce di chiudere, promesse di aprire, chiusi a singhiozzo, infine, costretti all’offensivo gioco dell’oca delle festività 2020. In un imbarazzante cortocircuito politico tra centro e periferia, scaricato sulla pelle delle imprese di questa filiera.

Occorre rispetto. E il rispetto non si traduce in ristori inadeguati e non calcolati sul fatturato delle festività natalizie, periodo fondamentale per i bilanci delle imprese della ristorazione. E non vengono affrontati né tantomeno risolti i problemi delle locazioni, dell’indebitamento e del sostentamento di imprenditori che non hanno garanzie, se non il proprio lavoro.

Secondo Confcommercio, le imprese però non si arrenderanno ed anche se la salute è la priorità, è necessario ripartire in sicurezza per tutelare dipendenti e clienti, con lo spettro però che molte attività come bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie, pub, discoteche se dovessero proseguire le chiusure rischiano di chiudere per sempre.

Almeno lanciamo un appello ai nostri clienti di esserci vicini e di continuare a sceglierci anche in queste difficili giornate

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento