rotate-mobile
Economia

La richiesta di Padovano (Confcommercio): "Subito un nuovo cantiere navale nel porto"

Il presidente di Confcommercio Pescara commenta l'avvio dei lavori per il nuovo assetto dello scalo portuale pescarese avanzando alcune proposte per l'intera area

Il presidente di Confcommercio Pescara Riccardo Padovano interviene in merito all'avvio dei lavori per il nuovo porto di Pescara e la realizzazione del nuovo molo nord, come previsto dal Masterplan Abruzzo. Padovano auspica che il cantiere possa procedere spedito permettendo il pieno ripristino non solo delle attività portuali della marineria ma anche il collegamento turistico fra Pescara e la Croazia, sperando che possa ripartire già dall'estate 2022. Il presidente però propone anche una serie di soluzioni e idee riguardanti l'intera area dello scalo portuale pescarese, come la realizzazione di un'area culturale e delle tradizioni marine fra il mercato ittico e il museo del mare.

"Fondamentale il posizionamento fin da subito dell’ospedale delle tartarughe. Parliamo del Centro Cetacei di Pescara che con quello di Cattolica rappresenta una eccellenza nazionale e che oggi è ospitato ai Colli. Il suo trasferimento a ridosso del mercato ittico rappresenterebbe credo una logica conseguenza per permettere per esempio la visita di turisti e scolaresche  Non è pensabile invece però che debba esistere in quella zona che dovrà essere un polo della cultura la famosa vasca di colmata. La banchina, il mercato ittico, la passeggiata sui moli devono e dovranno credo rappresentare una attrattività e la questione è quello del cantiere navale come esistono a San Benedetto del Tronto e Ortona."

Il problema del cantiere navale spiega Padovano va affrontato subito, con un'area adeguata alla situazione e che possa garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria alla flotta peschereccia:

"Con i fondi del Pnrr bisognerà lavorare per l’area portuale perché Pescara, che è nata attorno al suo porto possa tornare ad avere le agenzie doganali, le agenzie marittime, la staziona marittima, e come detto un cantiere navale all’altezza della situazione. Su questo - conclude Riccardo Padovano - si dovrà lavorare affinché l’infrastruttura portuale nel momento storico possa tornare a dotarsi lo ripeto di un cantiere da costruire non però sull’area attuale”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La richiesta di Padovano (Confcommercio): "Subito un nuovo cantiere navale nel porto"

IlPescara è in caricamento