rotate-mobile
Economia

Nuova Pescara, appello di centinaia di manager per la fusione dei 3 Comuni

Il presidente di Federmanager, Florio Corneli: "Il ritardo accumulato danneggia il nostro territorio"

Anche Federmanager Abruzzo e Molise, per bocca del suo storico presidente Florio Corneli, si unisce al coro di voci che auspicano la fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore nell'ente Nuova Pescara.
«Perdere tempo sulla Nuova Pescara è un lusso che il nostro territorio non può permettersi. Perdere altro tempo, per meglio dire, perché il ritardo sin qui cumulato è già eccessivo», dice Corneli. 

Il numero uno di Federmanager Abruzzo Molise ribadisce senza mezzi termini che la fusione di Pescara, Spoltore e Montesilvano nella Nuova Pescara deve essere concretizzata entro i limiti previsti dalla legge regionale 26 del 2018, che ha fatto seguito al referendum consultivo del 2014.

«A causa della pandemia», spiega Corneli, «il termine del primo gennaio 2022 è stato posticipato di un anno. Capiamo bene la gravità dei fatti nazionali e internazionali, ma non possiamo tollerare un ulteriore rallentamento dell'iter di fusione. La melina e l'ostracismo di alcuni politici, finalizzati a impedire il lavoro delle commissioni, deve finire subito anche perché offende i cittadini. È indispensabile, da parte del presidente della Giunta regionale Marco Marsilio, la nomina immediata di un commissario ad acta per Nuova Pescara».

Federmanager Abruzzo e Molise rappresenta le istanze di centinaia di manager, profili medi e alti che ricoprono ruoli apicali nelle migliori aziende delle due regioni, oltre a tantissimi temporary manager di piccole e medie imprese. «A livello nazionale, Nuova Pescara è sinonimo di modernità e slancio verso il futuro», aggiunge Corneli, «a livello locale, a causa di qualche sabotatore, rischia di essere un’incompiuta. I cittadini devono sapere che il tempo perso rappresenta un danno per la nostra città, l’area metropolitana e l’intera regione. Un danno economico per le risorse finanziarie nazionali non intercettate a causa dell’inerzia politica e un danno, in prospettiva, alla competitività delle aziende, con il rischio di pesanti riflessi a livello occupazionale. Dal ministero dell’Interno abbiamo appreso dell’ulteriore incremento di 6,5 milioni di euro del fondo previsto per le aggregazioni dei comuni. E poi ci sono le risorse del Pnrr. Se non le prenderà Nuova Pescara, finiranno altrove. Noi manager siamo meravigliati dell’inerzia di tanti politici, a livello comunale e regionale, che non vanno a Roma per far valere le ragioni di Nuova Pescara, la più importante fusione di comuni in Italia e in Europa, ma sono arroccati nella difesa anacronistica di interessi e privilegi personali. Federmanager, lo ribadisco, chiede alla Regione un commissario ad acta per Nuova Pescara».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Pescara, appello di centinaia di manager per la fusione dei 3 Comuni

IlPescara è in caricamento