rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Economia

Il 2 luglio c'è la notte dei saldi in centro, Confesercenti: "Il parcheggio sia gratuito tutto il giorno"

La proposta delle associazioni di categoria è stata condivisa con l'assessore al commercio Alfredo Cremonese, ma per tutte, anche Ascom e Confcommercio, la data scelta a livello nazionale è sbagliata: per il settore è solo un danno

Il 2 luglio a Pescara sarà la notte dei saldi: i negozi resteranno aperti e per le vie del centro della città si terranno micro-eventi, ma per sapere quali si dovrà attendere qualche giorno. La proposta delle associazioni di cateogoria ha trovato l'accordo con l'amministrazione e nello specifico l'assessore comunale al commercio Alfredo Cremonese, ma Marina Dolci, presidente Confesercenti avanza una richiesta chiara: parcheggi gratuiti per tutta la giornata per favorire la presenza di persone anche durante il giorno, dato che è la notte coincide con l'inizio dei saldi stessi. Sempre da Confesercenti anche la richiesta di fare tanta pubblicità all'evento e di pensarne un secondo magari in coincidenza con il Pescara Jazz o un altra importante manifestazione che si terrà a Pescara che potrebbe anche essere l'occasione per una chiusura eccezionale di Corso Vittorio Emanuele che, hanno ribadito lei, Conesercenti e Ascom, deve restare così com'è.

Sebbene, sottolinea Dolci, si sia almeno arrivati ad una data unica per tutto il Paese, il 2 luglio non si può definire come data dei “saldi”, ma degli “sconti” perché questi, sottolinea la presidente Ascom Olivia Chiarolla “non sono saldi di fine stagione. Sembra uno scoglio insormontabile e non se ne capisce il motivo. Si trincerano dietro il fatto che la scelta è a livello nazionale, ma per noi resta un problema anche perché il settore del commercio è quello che in sta risentendo di più della crisi economica in atto. Siamo sempre l'ultima ruota del carro. Almeno abbassassero le tasse”. chiosa. Non molto diversa la posizione di Confcommercio con Vincenzina De Santis che ribadisce come la data sia assolutamente sbagliata. “E' controproducente – dichiara -, ma non possiamo andare contro indicazioni nazionali. E' controproducente per alcune categorie in particolare, ma se a livello nazionale non si capisce l'esigenza di cambiare dobbiamo adeguarci anche perché ormai anche il pubblico si è abituato ad avere i saldi estivi così presto. Speriamo di lavorare bene e che sia un'ottima stagione”.

Altri tre temi sono stati affrontati nel corso dell'incontro cui hanno partecipato anche l'assessore per le politiche della disabilità Nicoletta Di Nisio e il presidente della commissione commercio Fabrizio Rapposelli, ma saranno approfonditi in altri due appuntamenti che si terranno nelle prossime settimane: la chiusura di Corso Vittorio Emanuele che le associazioni comunque escludono, il problema dell'occupazione del suolo pubblico e il regolamento anti-rumore che potrebbe penalizzare ulteriormente la movida di piazza Muzii e il tema dei negozi che devono garantire l'accesso ai disabili di cui si tornerà a parlare venerdì prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 2 luglio c'è la notte dei saldi in centro, Confesercenti: "Il parcheggio sia gratuito tutto il giorno"

IlPescara è in caricamento