rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Economia

Secco no del sindacato balneari ai box in plexiglass in spiaggia

L'ipotesi era circolata negli ultimi giorni come soluzione da adottare al mare per prevenire il contagio da Covid-19 (Coronavirus)

Il Sib-Confcommercio esprime un secco no all'idea di utilizzare dei box trasparenti in plexiglass in spiaggia per la prossima stagione estiva.
L'ipotesi era circolata negli ultimi giorni come soluzione da adottare al mare per prevenire il contagio da Covid-19 (Coronavirus).

Ma il sindacato balneari esprime una piena contrarietà a tale ipotesi.

A parlare è Riccardo Padovano, presidente regionale del Sib-Confcommercio: «Sono letteralmente indignato, amareggiato e quasi senza parole dopo questa idea uscita fuori nelle ultime ore per attrezzare le spiagge con box di plexiglass in modo da poter far avviare la stagione balneare. Si tratta di una questione che sta creando una discussione fra gli addetti ai lavori ma anche fra i cittadini non indifferente. Una pubblicità gratuita a questa idea che promuove a oggi solo il progettista e chi dovrà realizzare questi box. Parliamo di un progetto, quello dei box trasparenti in spiaggia, bocciato sin dal primo momento, da tutti i balneatori aderenti al Sindacato Italiano Balneari e dagli aderenti abruzzesi della Sib Confcommercio. Ma veramente c'è qualcuno, qualche imprenditore o gestore di uno stabilimento balneare che possa pensare di attrezzare la spiaggia in questo modo e con questi box di plexiglass? Qualcuno che possa accettare una idea del genere? Certamente no. Ma siamo matti a pensare di poter mettere dentro un recinto di plastica una famiglia con quaranta gradi all'ombra. È immaginabile una cosa del genere? Certamente no, e chi ha avuto una idea del genere è una persona che non ha contezza di cosa possa significare chiudere dentro un contenitore delle persone alle alte temperature. Parliamo di un qualcosa che non solo non aiuterebbe a risolvere il problema della sicurezza, ma che anzi potrebbe accentuarlo».

Questo quanto aggiunge senza mezzi termini Padovano:

«Fatta questa premessa anche forte voglio dire che questa idea debba esser subito accantonata, e non finire sui tavoli dei decisori e della politica, ma bensì pensare veramente e seriamente e sin da subito a quali possono essere le soluzioni, le idee concrete per poter far ripartire la stagione balneare in sicurezza e mantenere il distanziamento sociale in spiaggia, e garantire così a tutti la sicurezza stessa ma anche la libertà di potersi muovere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secco no del sindacato balneari ai box in plexiglass in spiaggia

IlPescara è in caricamento