rotate-mobile
Economia

Piazza Muzii, le associazioni di categoria chiedono un incontro urgente: "Misure troppo stringenti, si rischia il declino"

La richiesta è stata avanzata dai presidenti di Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti ed è rivolto alla conferenza dei capigruppo e la commissione comunale attività produttive

Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti chiedono un incontro urgente alla conferenza dei capigruppo e alla commissione attività produttive del Comune di Pescara a seguito delle misure ipotizzate dall'amministrazione comunale per il distretto di piazza Muzii e contenute in una determina che ha scaldato non poco gli animi. Misure che, denunciano in una nota congiunta avvierebbe la zona “ad un definitivo declino” qualora applicate. Ecco perché quello che si chiede è un incontro costruttivo che porti a soluzioni condivise.

A formalizzare la richiesta sono i presidenti delle di categoria e cioè Cristian Odoardi (Cna); Giancarlo Di Blasio (Confartigianato) Riccardo Padovano (Confcommercio) e Marina Dolci (Confesercenti). I presidenti fanno sapere che la richiesta arriva dopo gli incontri con il prefetto Giancarlo Di Vincenzo e il sindaco Carlo Masci. Ora vogliono confrontarsi con i consiglieri comunali. "Vogliamo rappresentare - si legge nella lettera di richiesta di audizione - la forte preoccupazione del settore della ristorazione per le misure, annunciate dall’amministrazione, relative all’occupazione del suolo pubblico ed al contenimento del rumore antropico nelle zone centrali della città. Riteniamo infatti che lo stato di fatto che ha generato i provvedimenti ora in discussione sia radicalmente diverso dalla situazione odierna, ormai giunta ad un livello di frequentazione del tutto assimilabile al resto della città, e dunque riteniamo essere decadute le ragioni, avanzate dall’amministrazione, di eventuali interventi straordinari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Muzii, le associazioni di categoria chiedono un incontro urgente: "Misure troppo stringenti, si rischia il declino"

IlPescara è in caricamento