Martedì, 21 Settembre 2021
Economia Centro

Mercatino etnico sotto la stazione: opposizione e commercianti sul piede di guerra

Il centrodestra assieme alle associazioni di commercianti e di categoria prepara la strategia per dare battaglia all'amministrazione comunale in merito alla delibera sul nuovo mercatino etnico

Dura battaglia per evitare la realizzazione del nuovo mercatino etnico sotto il tunnel della stazione. A parlare è il centrodestra cittadino assieme alle associazioni di categoria ed ai rappresentanti dei commercianti della zona, fortemente contrari al progetto da 250 mila euro di spesa.

L'opposizione cittadina si prepara a presentare centinaia di osservazioni alla delibera che sbarcherà in consiglio comunale, per impedire l'approvazione del documento. "I Gruppi consiliari di centro-destra, Forza Italia, Pescara in Testa e Pescara Futura, hanno portato avanti una dura battaglia per contestare e tentare di fermare una scelta che abbiamo sempre considerato scellerata, illogica e dannosa per l’economia cittadina. Tutti hanno bollato come immorale che l’amministrazione comunale spenda 250mila euro per un mercato che sarà riservato esclusivamente a extracomunitari, a fronte delle decine di emergenze di una città che sta vedendo la sua economia colare a picco, con decine di attività storiche e regolari costrette a chiudere non riuscendo più a far fronte alle tasse, a partire da quelle comunali come quella sui rifiuti, appena aumentata, e l’occupazione del suolo pubblico".

MERCATINO ETNICO, SI' DEL CONSIGLIO

Il centrodestra indica come paradossale la situazione che vede diversi ambulanti regolari sfrattati dai mercati rionali per non aver pagato la Cosap, mentre gli ambulanti extracomunitari per anni hanno venduto merce illegale e mai pagato un euro di tasse. Inoltre, è stato presentato anche un esposto alla Corte dei Conti per chiarire se la spesa di 250 mila euro per la sistemazione del tunnel sotto la stazione sia legittima. "In altre parole, il sindaco Alessandrini e la sua maggioranza possono prepararsi a trascorrere il Natale e il Capodanno 2017 nell’aula consiliare. Nell’attesa, i commercianti ci hanno chiesto di far porre fine al mercato abusivo già allestito sulla riviera nord, con le bancarelle improvvisate, per la vendita di merce spesso contraffatta. E a tal proposito chiederemo un incontro al Prefetto Francesco Provolo, al quale porteremo anche una delegazione di commercianti, per sollecitare un’azione importante delle Forze dell’Ordine a fronte dell’inerzia del sindaco Alessandrini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercatino etnico sotto la stazione: opposizione e commercianti sul piede di guerra

IlPescara è in caricamento