menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incontro fra i gestori dei locali di Pescara Vecchia e Piazza Muzii: "In caso di chiusure anticipate servono indennizzi immediati"

I rappresentanti di Confartigianato e Pescara Viva hanno discusso delle strategie da attuare per adattare il mondo della movida e del food & beverage alle probabili nuove restrizioni in arrivo

Sensibilizzare gli utenti al rispetto delle norme anticontagio, ed ancora nuove strategie e modalità di fruizione dei locali e del food & beverage a Pescara. Di questo si è discusso nell'incontro che si è tenuto ieri pomeriggio e promosso da Confartigianato Pescara e dall'associazione Pescara Viva, assieme agli esercenti dei locali delle due zone calde della movida della città, alla vigilia delle probabili nuove restrizioni che dovrebbero colpire in particolare proprio il settore dei locali della movida.

Fabrizio Vianale di Confartigianato e Mario Palladinetti di Pescara Viva hanno sottolineato come i gestori devono e possono solo adeguarsi alle misure e restrizioni nazionali per il Covid, e per questo i gestori sono stati sempre esortati a rispettare le norme:

Una cosa è certa: in caso di provvedimenti ancora più restrittivi non possono non essere previsti degli indennizzi immediati, altrimenti vorrebbe dire condannare a morte un intero comparto. Al rispetto delle misure di prevenzione, si possono affiancare strategie commerciali che, in assoluta sicurezza, consentano di lavorare nel migliore dei modi negli orari di apertura, così da sopravvivere in questo momento durissimo

Sul tavolo anche il delicato tema, per la movida di piazza Muzii, dello scontro con i residenti, con gli operatori che si sono detti stanchi di subire continui attacchi da uno o pochi residenti infastiditi dal rumore:

L'impressione è che si voglia far passare gli esercenti come coloro che operano continuamente nell'illegalità, ma così non è. Tanti sono stati i controlli delle forze dell'ordine e non ci risulta che ci siano state sanzioni. Gli operatori hanno quindi stabilito che procederanno a tutelarsi nelle sedi opportune in ogni occasione in cui la loro immagine e quella del distretto venga danneggiata

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento