Domenica, 14 Luglio 2024
Economia

Scadenza Isee e timore di perdere reddito di cittadinanza e assegno unico: le rassicurazioni della Uil Abruzzo

Il Centro autorizzato di assistenza fiscale (Caf) del sindacato spiega che se ancora non rinnovato c'è un tempo specifico previsto dalla legge per ogni singola misura e che dunque si può provvedere nei tempi stabiliti dalla legge

“La norma concede un po' di tempo per il rinnovo dell'Isee ('Indicatore situazione economica equivalente) e non subire spiacevoli conseguenze”. Con queste parole il Caf della Uil Abruzzo rassicura gli utenti che si sono visti scadere l'Isee il 31 dicembre 2022 e che non avendo ancora fatto il rinnovo temono di perdere le agevolazioni cui hanno diritto.

Nello specifico, spiega il sindacato, rispetto alla percezione del Reddito di cittadinanza, non ci sono conseguenze immediate in quanto la ricarica attesa a gennaio verrà comunque effettuata sulla base di dati e informazioni contenuti nella pratica del 2022. Tuttavia il rinnovo va effettuato entro il 31 gennaio per evitare la sospensione dei pagamenti. Non bisogna dimenticare che una volta rilasciato il nuovo Isee ci sarà un ricalcolo della prestazione, in quanto l’Inps terrà conto dei nuovi dati reddituali e patrimoniali. Ne potrebbe risultare la perdita dell’assegno, laddove il nuovo reddito dovesse certificare il superamento delle soglie previste dalla normativa, o comunque una riduzione dell’importo percepito, nel caso in cui tra il 2020 e il 2021 ci sia stato un miglioramento della situazione economica del nucleo familiare. Diversamente, in caso di peggioramento, l’importo potrebbe aumentare.

Per quanto riguarda l’assegno unico universale, il periodo di erogazione va da marzo a febbraio dell’anno successivo. Quindi, fino a febbraio, i pagamenti verranno effettuati sulla base di quanto indicato nell’Isee 2022. Entro il 28 febbraio però sarà però necessario rinnovarlo, in quanto avrà inizio un nuovo periodo di percezione. Se non verrà rinnovato entro la suddetta data allora l’assegno unico verrà comunque pagato, ma per il minimo dell’importo (50 euro per i figli minorenni, 25 per i maggiorenni).

Per accedere agli sconti su bollette di luce e gas previsti dal bonus sociale, sarà necessario rinnovare l’Isee prima della richiesta del beneficio o dell’agevolazione.

“Avere un Isee scaduto non vuol dire che dal primo gennaio 2023 tutte le prestazioni a esso collegate smetteranno di essere percepite, ma solo che bisognerà mettersi in moto per rinnovarlo non appena possibile – dichiara il presidente del Caf Uil Abruzzo Annarita Di Domenicantonio -. Diversamente scatteranno conseguenze differenti per mancato rinnovo della pratica, a seconda della prestazione a cui ci si riferisce. Il consiglio è comunque di procedere al rinnovo entro la fine di gennaio, a maggior ragione se si risulta percettori di Reddito di cittadinanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scadenza Isee e timore di perdere reddito di cittadinanza e assegno unico: le rassicurazioni della Uil Abruzzo
IlPescara è in caricamento