rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia

Dal 2014 si sono perse 2.425 imprese in Abruzzo, ma Pescara è in crescita

Lo rende noto in un report il ricercatore Aldo Ronci in base ai dati di Movimprese. Decrescita dell'1,87%, due volte e mezzo quella nazionale (-0,77). A livello provinciale, l'unica a segnare un incremento è Pescara (+385)

Dal 2014 al 2016 l'Abruzzo ha perso 2.425 imprese passando dalle 129.488 del 31.12.2013 alle 127.063 del 31.12.2016. Nello stesso periodo, in termini percentuali, l'Abruzzo decresce dell'1,87%, valori pari a due volte e mezzo la decrescita media a livello nazionale (-0,77%).  Lo rende noto in un report il ricercatore Aldo Ronci in base ai dati di Movimprese.

A livello provinciale le variazioni sono state molto diverse tra loro: l'unica a segnare un incremento è Pescara (+385), subiscono pesanti flessione Chieti (-1.092) e Teramo (-1.082), registra un decremento più lieve L'Aquila (-636).

Le variazioni percentuali rispecchiano i valori assoluti: Pescara (+1,25%) registra un incremento, Teramo (-3,41%) annota un decremento importante, mentre Chieti (-2,66%) e L'Aquila (-2,46%) segnano decrementi più lievi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 2014 si sono perse 2.425 imprese in Abruzzo, ma Pescara è in crescita

IlPescara è in caricamento