Fusione Conad - Auchan: a rischio anche 400 lavoratori abruzzesi

Anche i dipendenti e sindacati abruzzesi in allarme per il possibile piano di riorganizzazione del gruppo Auchan dopo l'acquisizione da parte di Conad

Anche una cinquantina di lavoratori abruzzesi di Auchan - Simply, assieme ai rappresentanti sindacali locali, hanno manifestato ieri a Roma davanti alla sede del Ministero per lo Sviluppo Economico per chiedere risposte in merito al futuro dei dipendenti dopo l'acquisizione del gruppo da parte di Conad, che contestualmente ha annunciato 3.000 esuberi in tutta Italia.

Le attività dei punti vendita Auchan e Simply, che si trovano anche nel Pescarese e nel Chietino oltre all'Ipersimply di Silvi, cesseranno alla fine del 2020 ed i lavoratori chiedono sicurezze per il futuro, in quanto secondo le voci circolate nelle ultime settimane non tutti i punti vendita saranno mantenuti operativi dalla stessa Conad.

A livello nazionale, infatti, l'acquisizione riguarda sicuramente 109 punti vendita su circa 1.500 sparsi in tutta Italia. Dall'incontro avuto in Ministero è emersa la possibilità di usufruire degli ammortizzatori sociali in caso di necessità, anche se i lavoratori restano preoccupati per il futuro occupazionale.

Solidarietà è arrivata dai consiglieri  comunali Frattarelli e Sclocco della lista "Sclocco Sindaco":

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esprimiamo solidarietá ai circa 420 lavoratori di Auchan e Ipersimply, che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. C'é un vero e proprio rischio di una seria crisi occupazionale. Il consorzio Conad che ha assorbito i gruppi Auchan e Ipersimply sembra non garantire il mantenimento di tutti i lavoratori. Invitiamo le istituzioni e il governo a farsi carico di soluzioni concrete per il bene delle centinaia di famiglie che rischiano di trovarsi in mezzo ad una strada, molte di queste residenti a Pescara e cittadini pescaresi. Non possiamo restare con le mani in mano ad osservare l'evolversi di una crisi occupazionale, che porterebbe precarietá ed enormi disagi sul nostro territorio. Ribadiamo ancora, da parte nostra la massima solidarietá e vicinanza ai lavoratori che in queste ore vedono il loro futuro occupazionale incerto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a soli 29 anni: Montesilvano piange Federica De Flavis

  • All'ospedale di Pescara è nato Filippo, il secondo figlio di Alessandro Di Battista [FOTO]

  • Ha una discussione con un automobilista, ciclista investito lungo corso Vittorio Emanuele

  • Sette migranti positivi nel cas di Moscufo, la rabbia di Sospiri: "Ora tamponi a tutti gli abitanti del paese"

  • Dopo Montesilvano anche a Silvi l'affascinante spettacolo dei delfini in mare [VIDEO]

  • Tragico schianto fra Pescara e San Giovanni Teatino: morto 15enne alla guida di uno scooter

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento