rotate-mobile
Economia

La denuncia della Fit Cisl: "Sindacati tenuti fuori dalla pianificazione della gestione dei rifiuti per la Nuova Pescara"

Carlo Pozzi della Fit Cisl Abruzzo e Molise Area contrattuale igiene ambientale fa riferimento all'incontro che si è tenuto in Provincia sulla riunificazione dei servizi ambientali per i tre comuni della fusione

Le associazioni sindacali di riferimento tenute fuori dal piano per la riunificazione dei servizi ambientali comunali della futura Nuova Pescara. La denuncia arriva da Carlo Pozzi della Fit Cisl Abruzzo e Molise Area contrattuale igiene ambientale che fa riferimento all'incontro che si è tenuto in provincia oggi 9 aprile nella sala Figlia di Iorio che punta proprio a pianificare il futuro del servizio di igiene ambientale e gestione dei rifiuti per i tre Comuni coinvolti nella fusione ovvero Pescara, Montesilvano e Spoltore.

I sindacati, spiega Pozzi, rappresentano oltre 400 lavoratori delle attuali società di gestione dei rifiuti dei singoli comuni, e dunque apprende con rammarico del mancato invito per i rappresentanti sindacali per un momento importante che deciderà il futuro di tutto il comparto:

"Crediamo che la partecipazione delle parti sociali possa essere d’aiuto e dia sostegno affinché il processo di razionalizzazione delle funzioni comunali, quali ad esempio la raccolta dei rifiuti, venga espletato in armonia anche con le esigenze dei lavoratori. Siamo del tutto consapevoli e di conseguenza riteniamo di vitale importanza la transizione ecologica che Ambiente Spa sta attuando con l’attivazione di progetti per la transizione verde nel capoluogo Adriatico, sia con il Pnrr sia con il finanziamento attivato grazie alla Bei sottoscritto tra le parti il 19 Marzo per gli anni 2021-2025."

Il sindacato auspica che nei prossimi incontri vengano riallacciati i rapporti istituzionali con il coinvolgimenti delle parti sindacali, per contribuire attivamente alla riunificazione dei servizi della Nuova Pescara e condividere in modo concertato gli obiettivi previsti per aumentare la percentuale di riciclo e l'economia circolare. Ricordiamo che proprio ieri il presidente della commissione Ambiente del Comune di Pescara, Ivo Petrelli, aveva annunciato che il nuovo impianto di biogas per il trattamento dei rifiuti organici sarà aperto nei primi mesi del 2025, illustrando le ragioni che hanno portato a non chiedere l'utilizzo di fondi Pnrr bensì le risorse della Banca europea d'investimento e spiegando che l'impianto sarà innovativo e realizzato e gestito da Ambiente Spa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia della Fit Cisl: "Sindacati tenuti fuori dalla pianificazione della gestione dei rifiuti per la Nuova Pescara"

IlPescara è in caricamento