Venerdì, 12 Luglio 2024
Economia

Le aziende abruzzesi dei distributori automatici Confida doneranno al Banco alimentare le proprie eccedenze

L'accordo diventa operativo fra le 87 imprese del territorio abruzzese che operanno nella vendita di prodotti alimentari tramite distributori automatici e il Banco alimentare

Parte oggi 5 ottobre a livello regionale l'accordo fra Confida Associazione italiana distribuzione automatica e Fondazione Banco alimentare. In questo modo saranno donate dalle aziende le eccedenze alimentari alla fondazione che li devolverà ad enti convenzionati che offrono aiuto a famiglie e persone in difficoltà. Dopo aver attraversato altre regioni nella penisola, il progetto si sposta in Abruzzo, con lo scopo di eliminare totalmente le eccedenze nel settore del vending.

Promotori dell’iniziativa, il presidente delle imprese di gestione di Confida Pio Lunel, Michele Adt direttore di Confida, Emiliano Sapora delegato Confida dell’Abruzzo, le Marche e l’Umbria, insieme ad Antonio Dionisio presidente di Banco alimentare Abruzzo Odv. La distribuzione automatica è un comparto dove l'Italia è leader in Europa con 820 mila distributori installati in tutto il territorio.

L’Abruzzo conta 87 imprese del settore così dislocate nelle diverse province: 24 a Pescara, 23 a Teramo, 21 a Chieti e 19 a L’Aquila. Pio Lunel ha dichiarato:

“Il patto siglato tra CONFIDA e Banco Alimentare raggiunge oggi il centro della penisola: Marche, Umbria, Abruzzo e Molise si impegnano a prestare maggiore attenzione nel settore della distribuzione alimentare. Grazie all’accordo sottoscritto dall’Associazione e dalla Fondazione durante Venditalia questo percorso prosegue regione dopo regione con la volontà di eliminare qualsiasi tipo di spreco nel settore”. Dionisio ha concluso:

“Tutti gli sforzi di Banco alimentare sono da sempre focalizzati sul recupero delle eccedenze alimentari ancora commestibili, da destinare alle 39164 persone in difficoltà aiutate dal Banco Alimentare Abruzzo purtroppo in crescente aumento anche nella nostra regione. Siamo grati a Confida che ci dà la possibilità di recuperare prodotti alimentari anche dalla filiera della distribuzione automatica.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le aziende abruzzesi dei distributori automatici Confida doneranno al Banco alimentare le proprie eccedenze
IlPescara è in caricamento